Superlega, intervista Rai a Ceferin | Nuova bordata sulla Juventus

SuperLega
Ceferin (getty)

SuperLega, il presidente della Uefa Ceferin lancia una nuova bordata sulla Juventus. Ecco quello che ha detto ai microfoni della Rai

Ha parlato ai microfoni della Rai il presidente della Uefa Ceferin. Che ovviamente, oltre al tema Europeo (“il calcio dà gioia – ha detto – e per ripartire non potevamo non farlo da Roma), ha trattato, ancora una volta, il tema della SuperLega. Solamente due giorni dopo la decisione di bloccare i provvedimenti nei confronti di Juventus, Barcellona e Real Madrid, i tre club che ancora sono dentro alla competizione.

“Io credo che la giustizia sia lenta ma che prima o poi arriverà” ha quasi minacciato il massimo esponente del calcio europeo. “Non penso proprio che sia stata detta la parola definitiva sulla questione. Anzi, sono certo, che si andrà ancora avanti” ha spiegato.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, il Barcellona bussa per Demiral: pronto lo scambio

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, il Barcellona bussa per Demiral: pronto lo scambio

Superlega, l’attacco di Ceferin ad Agnelli

Calciomercato Juventus
Andrea Agnelli (Getty Images)

”A me sembra che i tre club in questione siano come quei ragazzini che, non invitati alle feste, poi cercano di entrare con la polizia” ha metaforicamente affermato ancora Ceferin. Che, a precisa domanda su Agnelli (gli è stato, in caso d’incontro, se ci sarà una stretta di mano), ha confermato: “E’ una questione personale, alla quale preferisco non rispondere. Ma lui sicuramente sa quello che farei”.

Infine, un “non” commento anche su Michel Platini, che ha detto che Juventus, Real Madrid e Barcellona hanno il diritto di fare la SuperLega: “Ormai nel mondo del calcio non mi stupisco più di nulla – ha detto ancora Ceferin – e le parole di Platini preferisco non commentarle”. Ceferin, nel video della registrazione dell’intervista, è apparso molto duro in viso mentre parlava della SuperLega. Segno evidente che lo stop ancora non definitivo non gli è andato giù. Sarà battaglia ancora per molto.