Consigli Fantacalcio: guida ai centrocampisti 2018-2019

consigli centrocampisti asta fantacalcio
consigli centrocampisti asta fantacalcio

È molto raro vincere al fantacalcio senza avere tra i migliori centrocampisti qualche giocatore con spiccate attitudini a far gol. In generale vale la regola di non prendere all’asta gli incontristi troppo inclini a ricevere ammonizioni, e spendere prevalentemente in trequartisti il budget previsto per il centrocampo.

Riuscire a prevedere quali calciatori supereranno quota dieci gol in questo reparto, e prenderli all’asta senza svenarsi, può essere fondamentale per competere per i primi posti del fantacalcio. Ed è per questo motivo che è meglio puntare esclusivamente sui calciatori che “vedono” la porta avversaria o che giocano prevalentemente all’attacco. Non è affatto come per una squadra di calcio: l’“equilibrio” tattico non è richiesto.

Un calciatore come Franck Kessié, per esempio, è utilissimo in una squadra di calcio: fa pressing per tutta la partita, è aggressivo, e ogni tanto segna pure (con l’arrivo di Higuain forse non sarà più rigorista). Ma nel fantacalcio c’è da tenere conto delle ammonizioni, e uno come Kessié ne prende troppe. Ed è bene tenere a mente che – senza se e senza ma – spendere tanti crediti per un mediano non fa vincere il fantacalcio.

( → Consigli Fantacalcio: guida ai portieri 2018-2019 )

I nomi non scontati

Il Bologna allenato da Filippo Inzaghi giocherà con uno schema per lo più difensivo. Oltre alle giocate in favore dei due attaccanti uno degli schemi principali per fare gol prevederà gli inserimenti degli interni di centrocampo. In particolare sarà Blerim Dzemaili il centrocampista che avrà maggiori compiti d’attacco. Tra l’altro potrebbe anche finire per essere il rigorista del Bologna, visto che in Coppa Italia è stato proprio il nazionale svizzero a presentarsi dal dischetto per il gol dell’uno a zero contro il Padova.

Non è un centrocampista che farà chissà quanti gol ma in questa stagione potrebbe valere la pena prendere Romulo del Genoa. Giocherà nella sua posizione ideale, l’esterno destro nel 3-5-2, e viene da una stagione in cui con il Verona ha giocato bene su tutta la fascia destra, finalmente libero dagli infortuni che ne avevano interrotto la crescita quando passò alla Juventus. In alternativa come “ottavo” centrocampista si può puntare su Manuel Lazzari della Spal: veloce, dotato di un buon dribbling, a 24 anni dopo un anno intero di Serie A avrà anche maggiore esperienza.

Nel Sassuolo c’è Kevin Prince Boateng: in queste settimane estive è stato spesso provato nel ruolo di “falso nueve”, che ha ricoperto molto bene in alcune occasioni anche nell’Enitracht Francoforte. Il nuovo allenatore Roberto De Zerbi proporrà un calcio molto offensivo, e Boateng potrebbe giovarne per superare quota 5 gol, che è il suo record in Italia con il Milan.

Mario Pasalic è un nuovo centrocampista dell’Atalanta. Ad appena 23 anni il croato è riuscito già a segnare in quasi tutti i principali campionati europei: Liga (3 gol), Serie A (5), Premier League (4) e Ligue 1 (3). Gian Piero Gasperini ha recentemente saputo trasformare Bryan Cristante in un ottimo marcatore, tanto più potrebbe riuscirci con un giocatore che ha già dimostrato di avere un buon rapporto con il gol.

( → Consigli Fantacalcio: guida ai difensori 2018-2019 )

Tre possibili “sorprese”, tra i giovani

Il giovane Jakub Jankto nella Sampdoria può continuare il suo processo di crescita: a 22 anni ha già 65 presenze in Serie A con 9 gol e 10 assist. Marco Giampaolo è un allenatore che generalmente favorisce molto la crescita individuale dei centrocampisti molto tecnici. Jankto lo è, e potrebbe diventare un valore aggiunto di questa squadra e conseguentemente della vostra.

L’Udinese ha scelto un allenatore, Julio Velazquez, che investe molto sulla fase offensiva. Il problema è che la squadra non si è rinforzata. Velazquez avrà bisogno di tempo per adattarsi al campionato italiano dopo le esperienze in Spagna e Portogallo. Il fulcro del gioco dell’Udinese sarà nel bene o nel male il ventitreenne ceco Antonin Barak. Ha segnato sette gol alla sua prima stagione in Serie A. Nel girone di ritorno è stato condizionato negativamente dal pessimo rendimento della squadra, ma ha comunque fatto intravedere grandi doti tecniche ed è pronto a tornare su alti livelli da titolare certo.

Una possibile sorpresa potrebbe essere Mattia Valoti, passato dal Verona alla Spal. L’anno scorso, anche se a sprazzi, ha mostrato il suo potenziale. È un calciatore molto tecnico, e ha un buon tiro. Deve solo migliorare negli inserimenti senza palla per diventare un centrocampista offensivo di alto livello. Nel 3-5-2 della Spal, da interno di centrocampo, potrebbe risultare un valore aggiunto. Non parte titolare ma potrebbe diventarlo nel corso del campionato.

( → Consigli Fantacalcio: guida agli attaccanti 2018-2019 )

Qualcuno per cui valga la pena spendere di più

A un certo punto dell’asta i crediti da spendere per almeno un paio di giocatori notoriamente forti e molto costosi bisognerà tirarli fuori. Il nome da fare per questa stagione è quello di Federico Chiesa. L’anno scorso non ha segnato tantissimo (6 gol), ma a soli 20 anni ha confermato di essere un predestinato. La Fiorentina ha mantenuto quasi tutta l’ossatura della passata stagione, in cui ha giocato un ottimo girone di ritorno. Chiesa sarà il punto fermo dell’attacco. Visto che al fantacalcio vale centrocampista è un giocatore da non lasciare troppo facilmente agli avversari.

Hakan Calhanoglu al Milan ha trovato la sua giusta collocazione in campo soltanto nel girone di ritorno dello scorso anno: esterno sinistro d’attacco nel 4-3-3, in cui può fare valere il suo potente e preciso tiro destro. Al fantacalcio è considerato un centrocampista, motivo per cui, se possibile, è il caso di prenderlo anche a costo di spendere tanti crediti.