Monica Bertini ha “barato”, ma la visione val bene una bugia

Monica Bertini ha detto una piccola bugia: ecco perché i suoi follower sono però ben disposti a perdonarla.

È rientrata in città prima di tutti, per quanto la voglia di godersi il mare ed il sole fosse ancora alle stelle. Ma gli impegni calcistici l’hanno richiamata all’ordine e non poteva certo esimersi dal dovere di prestare il suo splendido volto alla Coppa Italia. Nella maniera più assoluta.

Monica Bertini
Instagram

E così, Monica Bertini è tornata alla sua routine di sempre. Per la gioia dei suoi sostenitori, è doveroso aggiungere, visto che l’appuntamento con Pressing era molto atteso dai fedelissimi della storica trasmissione sportiva e dai fan, che sono davvero tanti, della deliziosa conduttrice di Mediaset.

Solo che stavolta ci ha tirato un brutto tiro, la regina di Italia 1. Aveva “promesso” che quelli postati qualche giorno fa sarebbero stati i suoi ultimi scatti dalla Puglia, dove si è divertita a posare in bikini e prendisole per diversi giorni. Ed è stata di parola, sì, ma fino ad un certo punto.

Monica Bertini, una sequenza da impazzire

Monica Bertini
Instagram

Quando la Bertini aveva detto basta, i fan si erano messi l’anima in pace. Erano certi che per rivederla al massimo del suo splendore, con le curve bene in vista, ci sarebbe voluta l’estate prossima, ma non sapevano che la bella Monica li avrebbe sorpresi prima del previsto. Che le sue vacanze erano finite ma che questo non significava che fosse pronta a congedarsi dai suoi selfie estivi.

Qualche ora fa ha difatti pubblicato non una, ma ben dieci foto, ad alto tasso di “pericolosità”. Insieme a lei c’è il suo amico a quattro zampe, al quale è dedicato il dolcissimo post in cui tesse le lodi dei cani, ma è difficile concentrarsi sul suo musetto con tutto quello che c’è da guardare.

La giornalista sfoggia un top scollatissimo e fa sfoggio con estrema disinvoltura del suo sensualissimo lato A. Una sequenza di foto a tradimento, postate così, senza avvertire, ma che era impossibile non apprezzare. E ben vengano le “bugie”, se alla fine il risultato è questo.