Emma Raducanu contro tutti: adesso si salvi chi può

Emma Raducanu dà il benservito a tutti: ecco cos’ha fatto la tennista britannica alle porte degli Us Open.

Solamente dieci. Tanti sono i giorni che ci separano dall’inizio degli Us Open, benché tante siano ancora le incognite e i nodi da sciogliere prima che il Flushing Meadows si vesta a festa per l’occasione. Uno fra tutti, la partecipazione di Novak Djokovic all’ultimo Slam della stagione.

Emma Raducanu
©LaPresse

Che lui ci sia o meno poco cambierà, comunque, per Emma Raducanu. La britannica volerà a New York per difendere il titolo vinto lo scorso anno e, nulla togliendo al serbo, avrà ben altri problemi con i quali confrontarsi. Problemi che ora, però, si sente finalmente pronta ad affrontare.

La tennista ha più volte lasciato intendere che trionfare nuovamente a New York non sia per lei una questione di vita o di morte. Che se anche dovesse malauguratamente perdere, ha dalla sua la giovane età e la possibilità, dunque, di rifarsi nel corso della carriera che ha davanti a sé.

Emma Raducanu, la sua crociata passa da New York

Emma Raducanu
©LaPresse

Ciò nonostante, negli ultimi giorni sembra avere acquisito la sicurezza che finora le era mancata. Merito soprattutto della vittoria contro la leggendaria Serena Williams e del cammino, tutto sommato molto positivo, al Western & Southern Open.

Emma Raducanu è di umore sicuro mentre si prepara a difendere il suo titolo agli US Open, affermando di essere “migliorata come giocatrice” nell’ultimo anno.
“Ho fatto qualcosa di grandioso l’anno scorso – ha detto la 19enne al Daily Mail – mi sentivo libera quando giocavo e sto ricominciando a farlo. Mi sento come se stessi andando di nuovo nella giusta direzione. Sono orgoglioso di quello che ho fatto questa settimana ed è un grande passo avanti”.

La pressione c’è e si sente, ma non saranno certo le aspettative del pubblico ad impensierire Emma. Che oggi, per la prima volta, sente di potercela fare. Di poter dare uno schiaffo morale a quanti, in questi dodici mesi, hanno continuato a sostenere che si sia trattato di un colpo di fortuna e nulla più.