Sofia Goggia, Federica Brignone e quell’abbraccio di ghiaccio

Sofia Goggia e Federica Brignone si ritrovano al Gala della neve e del ghiaccio a Madonna di Campiglio: ecco cosa è successo tra di loro.

Déjà-vu. Si chiama così quel particolare fenomeno psichico che ci fa sembrare di aver già vissuto quel momento. Che ci dà come la sensazione che non sia la prima volta che vediamo quella scena e che assaporiamo quelle stesse emozioni.

Sofia Goggia
Instagram

Ed è proprio questo che abbiamo provato quando abbiamo rivisto le due “gigantesse” dello sci azzurro abbracciarsi di nuovo come se nulla fosse. Già, ancora una volta Sofia Goggia e Federica Brignone sono finite sotto i riflettori e sono state catapultate al centro dell’attenzione proprio per questo motivo, per un abbraccio.

Che è stato ancor più bello e importante perché inaspettato, perché non c’era davvero modo migliore di questo per chiudere in bellezza il Gala della neve e del ghiaccio a Madonna di Campiglio. Un evento di cui sono state regine incontrastate grazie ai brillanti risultati di questa annata straordinaria e le medaglie ai Giochi di Pechino.

Sofia Goggia e Federica Brignone, la storia si ripete

Sofia Goggia
Instagram

La rivalità che caratterizza il loro rapporto è inevitabile, ma in quest’occasione Sofia e Federica sono riuscite a mettere tutto da parte e ad abbracciarsi, per la gioia dei fotografi che hanno scattato all’impazzata. In memoria dei vecchi tempi, in risposta alle polemiche che il loro essere avversarie ha sempre generato.

Ci erano già riuscite, per la verità, a lasciarsi alle spalle questa rivalità. Nel dicembre dello scorso anno si erano abbracciate dopo il superGdi Lake Louise, ma una successiva polemica alimentata dalla mamma della Brignone aveva poi gettato alle ortiche qualunque tentativo le due ragazze avessero fatto in precedenza.

Ora però è tempo di disgelo. Il sole è tornato a splendere a Madonna di Campiglio e sul loro rapporto, facendo ben sperare chi segue le loro gesta e spera che Federica e Soffia possano essere abbastanza forti da seppellire l’ascia di guerra e concentrarsi su un obiettivo soltanto. Regalare ai tifosi il maggior numero di soddisfazioni possibile.