Sinner a due passi dal bis: la notizia che fa ben sperare

Sinner, finalmente una buona notizia: il tennista altoatesino può continuare a sognare e ad inseguire il suo sogno di fare il bis.

Il trionfo di Stoccarda era proprio quel ci voleva per prendere un po’ di fiato. Matteo Berrettini aveva bisogno di recuperare la fiducia in sé e nei suoi mezzi e non avrebbe potuto scegliere occasione migliore, per tornare in campo dopo la lunghissima pausa che ha fatto seguito all’intervento alla mano destra.

Sinner
©️LaPresse

Il trofeo e il bottino che ha vinto in Germania gli hanno permesso di rientrare nella top 20 della Race to Turin, la classifica che decreta quali tennisti meritino di giocare alle Nitto Atp Finals in programma a novembre a Torino. Ne era uscito, ma ora è 17esimo e ci sono possibilità concrete che possa ottenere un posto tra i maestri. Soprattutto se, come si spera, bisserà il successo del 2019 nel Queen’s.

C’è però un italiano che al momento è messo addirittura meglio di lui. Parliamo di Jannik Sinner, che a dispetto di una stagione decisamente altalenante continua a difendere il suo posto nella Race. Nonostante gli infortuni, nonostante i numerosi ritiri, è ancora in corsa per partecipare all’evento che sarà nuovamente ospitato dal Pala Alpitour.

Nella Race Sinner è più forte di Berrettini

Sinner
©️LaPresse

L’altoatesino è stabile in 12esima posizione con un bottino pari a 1430 punti, 271 in più di quelli che possiede al momento il collega e amico Berrettini. Ha dato forfait ad Halle, si presume per il problema riscontrato al ginocchio durante il Roland Garros, e questo potrebbe però penalizzarlo nei prossimi aggiornamenti della classifica.

Per il resto, è rimasto tutto invariato. Nelle prime dieci posizioni non si registrano variazioni rispetto alla settimana scorsa: al comando c’è Rafael Nadal, che ha macinato più punti di tutti, seguito a ruota dal suo connazionale, Carlos Alcaraz.

Sono in corsa per le Nitto Atp Finals, ma nella categoria del doppio, altri due italiani. Si tratta di Simone Bolelli e Fabio Fognini, che sono ottavi nel ranking che tiene conto non dei punti complessivi e dello storico ma dei piazzamenti stagionali. Resta da capire se riusciranno a mantenere questa posizione però, dal momento che il ligure è fermo per infortunio.