Camila Giorgi, torna il sorriso: gavettone e reazione a sorpresa

Camila Giorgi, quante emozioni sotto il sole della Sardegna: ecco il video che racconta la reazione della tennista marchigiana.

Due game. Non gliene ha concesso neanche uno più del dovuto. Dire che per le francesi sia stata una debacle sarebbe insomma un eufemismo. Camila Giorgi ha dominato dal primo all’ultimo istante il match che, di fatto, ha portato la nazionale azzurra alle Finals della Billie Jean King Cup. Con uno schiacciante 3 a 0, l’Italia si è imposta sulla Francia sotto il caldo sole di Alghero.

Camila Giorgi
Instagram

La tennista di Macerata è stata la superstar di questo turno preliminare. Già ieri aveva sconfitto, senza troppi complimenti, Oceane Dodin. E sapevamo, in cuor nostro, che avrebbe fatto il bis. Solo che non potevamo immaginare un trionfo come quello al quale, invece, abbiamo assistito.

La Francia aveva schierato Alize Cornet, che già ieri era stata messa ko da Jasmine Paolini. Alla fine però il capitano della nazionale d’Oltralpe ha deciso di dare fiducia ad Harmony Tan. Lei è la numero 107 del ranking Wta, la Giorgi è in 30esima posizione. Come potesse andare a finire era facilmente intuibile.

Camila Giorgi superstar ad Alghero

Camila Giorgi
Instagram

La stella marchigiana non ha dovuto sforzarsi neanche troppo. Ha chiuso i conti e il turno preliminare con un sonorissimo 6-2;6-0 che ha meritato una fragorosa standing ovation da parte del pubblico che affollava le tribune. E a fine partita, come dimostrano i video postati sul profilo di Federtennis, la festa è esplosa in tutto il suo fragore.

Mentre la Giorgi, come da consuetudine, si apprestava a salutare il pubblico prendendo la parola al microfono posizionato a bordo campo, le sue compagne di squadra le hanno teso un “agguato”. Hanno stappato una battaglia ed è stato subito gavettone.

La scena ha divertito tantissimo il pubblico ed è stato bello vedere Camila, spesso seriosa e sulle sue, ridere di gusto e godersi questo meritatissimo trionfo dopo la lunga pausa. E speriamo che la vittoria possa essere stata, per lei, un’iniezione di fiducia.