Ajla Tomljanovic, San Valentino senza Berrettini: mai stati più lontani di così

Ajla Tomljanovic e Matteo Berrettini lontani nel giorno della festa degli innamorati: ecco perché non la trascorreranno insieme.

Matteo Berrettini e Ajla Tomljanovic non trascorreranno insieme la feste degli innamorati. Lui sarà a Rio de Janeiro per il primo Atp 500 della stagione appena iniziata, alla guida del seeding della competizione brasiliana. Lì sulla terra rossa dovrà vedersela con vecchie e nuove leve: da Ruud a Schwartzman, passando per Alcaraz e Carreno Busta.

Ajla Tomljanovic
Instagram

La sua fidanzata non ha potuto seguirlo in questa spedizione oltreOceano. Anche lei ha i suoi impegni tennistici che la porteranno, stavolta, nella penisola araba. La bella tennista croata naturalizzata australiana ha deciso di partecipare al Qatar Totalenergies Open Wta, in programma dal 20 febbraio prossimo.

Lady Berrettini è già in partenza. Aveva lasciato l’Australia prima ancora che Berrettini disputasse gli ottavi contro Gael Monfils: aveva fatto ritorno in Florida per ricominciare ad allenarsi, dopo la disfatta allo Slam, in vista dei prossimi tornei in programma nel calendario femminile.

Leggi anche: Camila Giorgi furiosa | La racchetta fa una brutta fine – VIDEO

Ajla Tomljanovic in partenza per il Qatar

Ajla Tomljanovic
Instagram

Sui social l’abbiamo vista con Diego Moyano, il suo coach, alle prese con la preparazione atletica. Ma ora è tempo, per la tennista che ha rubato il cuore del numero 6 del mondo, di tornare in campo a macinare punti e guadagnare posizioni. E lo scatto pubblicato ieri sembra dirci che ci siamo quasi.

Ajla Tomljanovic si è localizzata all’aeroporto di Miami in ottima compagnia: insieme a lei ci sono la sorella Hana, con la quale ha un rapporto molto speciale, e papà Ratko, campione di pallamano oggi 55enne. “I tre moschettieri” si legge nella simpaticissima didascalia scelta per lo scatto.

È assai probabile che i tre si stiano già recando in Qatar. Il torneo avrà inizio tra poco più di 10 giorni, ma tra fuso orario e condizioni climatiche è sempre meglio prendersi del tempo per abituarsi prima dell’esordio in campo.