Camila Giorgi furiosa | La racchetta fa una brutta fine – VIDEO

Camila Giorgi, oltre al danno la beffa. Ecco cosa ha combinato la tennista durante il match che le è costato l’eliminazione dal Wta di San Pietroburgo.

Non se lo aspettava nessuno. Men che meno la diretta interessata, probabilmente. Camila Giorgi sapeva di avere tutte le carte in regola per battere Ekaterina Alexandrova, ma qualcosa in campo deve aver scombinato i suoi piani e messo a repentaglio la sua proverbiale concentrazione.

Camila Giorgi
©️LaPresse

La sua avversaria giocava in casa e questo avrà certamente contribuito a darle di fiducia. Il fatto però che l’italiana l’avesse già battuta più volte in passato sembrava suggerirci che la numero 30 del ranking Wta potesse avere, ancora una volta, la meglio su di lei. Sappiamo tutti però che non è andata esattamente così.

La Giorgi era visibilmente nervosa. Ha giocato bene nel secondo set, ma nel primo e nel terzo ha commesso troppi errori. E a quel punto è stato semplicissimo, per la russa, imporsi su di lei e portare a casa la prima vittoria nell’ambito di questo Wta 500 di San Pietroburgo.

Leggi anche: Berrettini, lo hanno notato tutti | Cosa è successo dietro le quinte di Sanremo

Camila Giorgi perde la testa: punita con un warning

Che Camila fosse nervosa non è una semplice supposizione. C’è un video, già divenuto virale, che sembra testimoniarlo e raccontare i retroscena di un match che, per un motivo o per un altro, ha visto la favorita soccombere dinanzi ad un’avversaria battibilissima.

La tennista marchigiana si è infuriata talmente tanto, ad un certo punto, da essersi lasciata andare ad un gesto che non le appartiene. La Giorgi è sempre composta e impassibile, ma il fatto di non riuscire ad entrare in partita, evidentemente, deve averla fatta letteralmente sbroccare.

Nel filmato la si vede lanciare, dopo l’ennesimo colpo finito a rete, la sua racchetta. Uno sfogo comprensibile ma purtroppo evitabile, che le è addirittura costato un warning da parte del giudice di sedia. Una punizione che sarà difficile da digerire. Quasi quanto la sconfitta stessa.