Tennis, Naomi Osaka sbanca in un altro ranking: è l’unica ad esserci riuscita

Tennis, l’atleta giapponese è stata inserita in una classifica molto prestigiosa: di quale si tratta e quali sono i meriti di Naomi Osaka. 

L’esperienza, la grinta, la determinazione. Ce le ha tutte. Naomi Osaka, al netto delle fragilità emerse durante gli Us Open, quando aveva comunicato di volersi fermare per un po’, è una tennista tutta d’un pezzo. Una giocatrice come non ce ne sono molte altre al mondo, e non solo dal punto di vista prettamente agonistico.

Leggi anche: Camila Giorgi si mette in mostra su Instagram: quella passione mai nascosta

Di quanto lei sia speciale in tutto e per tutto se n’è accorto anche il Financial Times, che l’ha inserita, guarda caso, in una delle classifiche più importanti di sempre. Ma in cosa è riuscita così bene la Osaka, tanto da entrare a far parte di un altro prestigiosissimo ranking che non fosse quello Wta?

Naomi, udite udite, è una delle 25 donne più influenti del mondo. Sì, avete capito bene. Dopo una stagione burrascosa e super impegnativa, che si è conclusa con lei in lacrime dopo la sconfitta inflittale da Leylah Fernandez, è riuscita a portare a casa un riconoscimento davvero grandioso.

Tennis, la Osaka è una delle 25 donne più influenti al mondo

Tennis
©️LaPresse

Cos’abbia fatto per aggiudicarselo è presto detto. La Osaka, stando alle motivazioni addotte a sostegno del suo inserimento in questa top 25, sarebbe una delle figure di maggior impatto nel mondo dello sport. E c’è un altro aspetto ancora, in tutto ciò, sul quale vale la pena soffermarsi.

La tennista è anche la sola sportiva presente in questo ranking così esclusivo. Le altre donne appartengono ad universi completamente diversi dal suo, motivo per il quale questo titolo risulta essere ancor più lusinghiero.

E chissà che la consapevolezza di essere tra le donne più influenti al mondo non possa averle fatto ritrovare la voglia di battersi. Naomi manca dal campo dallo scorso mese di settembre, da quella conferenza stampa in cui aveva annunciato ciò che i suoi sostenitori mai avrebbero voluto sentire. Ma la sua pausa di riflessione dovrebbe essere finalmente finita: a meno di intoppi, a gennaio dovrebbe partecipare agli Australian Open. Con una “medaglia” in più sul petto.