Ex nazionale truffato per anni | La fidanzata non esiste

Nazionale

Nazionale italiana, un ex giocatore è stato coinvolto in una vicenda davvero assurda: tutti i dettagli sulla truffa di cui è stato vittima.

Gli occhi ambrati, la carnagione mediterranea. Le curve al punto giusto, il sorriso angelico. Roberto Cazzaniga era fiero di stare con una donna tanto bella. Il capitano di Gioia del Colle, ex opposto della nazionale italiana di pallavolo, non si era mai fatto troppe domande sul conto della sua fidanzata.

Leggi anche: Lei, lei, l’altro: l’inedito triangolo amoroso infiamma l’Aston Villa

Non s’è neanche chiesto come mai in quindici anni di fidanzamento non si fossero mai visti. Fino a che, finalmente, non ha capito. Fino a che non si è reso conto che qualcosa non andava e che la sua Maya, che le era stata presentata telefonicamente da un’amica comune, non era esattamente chi millantava di essere da così tanto tempo.

Maya, molto semplicemente, non esisteva. Era una donna sarda che fingeva di essere una modella brasiliana e che usava l’immagine di Alessandra Ambrosio, angelo di Victoria’s Secret, per truffare Cazzaniga. E deve averlo fatto ben bene, dal momento che la loro relazione platonica si è protratta per ben tre lustri.

Nazionale di pallavolo, Cazzaniga truffato per 15 anni

Nazionale
©Getty Images

Ma c’è molto altro, dietro questa storia dai contorni veramente assurdi. In quindici anni, la donna con cui l’opposto di Gioia del Colle si sentiva quotidianamente gli avrebbe spillato la bellezza di 700mila euro. Soldi che, così raccontava, le servivano per potersi curare e risolvere alcuni problemi di salute. Inventati, ovviamente, anche quelli.

Cazzaniga si era visto costretto a chiedere alcuni prestiti, addirittura, pur di poterle dare una mano. A rivelare quanto accaduto è stata la trasmissione Le Iene, dalla quale apprendiamo che ora è finalmente tutto finito. Sono stati i familiari e gli amici del pallavolista a capire, per primi, che c’era qualcosa di sbagliato, in questa storia portata avanti solo ed esclusivamente per telefono.

Convinto da loro, Cazzaniga ha sporto denuncia alla Guardia di finanza, che ha così ricomposto il puzzle e capito che qualcuno lo stava truffando senza pietà. Una delusione doppia, quindi, per l’opposto. Ha scoperto non solo che era stato imbrogliato, ma anche che la donna dei suoi sogni non esisteva. E che, soprattutto, non era mai esistita.