Bonus 2021, c’è una sorpresa per chi ha animali domestici: scopri se ne hai diritto

Bonus 2021
(Getty Images)

Oltre ai bonus 2021, la manovra finanziaria ha pensato ad una misura destinata alle famiglie con animali a carico. Ecco tutte le informazioni.

Solo chi ha la fortuna di vivere in compagnia di un amico a quattro zampe sa quanta gioia sia in grado di donare un animale domestico. E quanto, ahinoi, prendersi cura di lui nel modo in cui merita possa incidere, a fine mese, sull’estratto conto. Niente paura però, perché sta arrivando un bonus pensato per le famiglie che hanno accolto nel proprio “branco” umano un piccolo peloso.

Leggi anche: Bolivia, un ladro a quattro zampe irrompe in campo e ruba uno scarpino

Questa misura, certamente unica nel suo genere, rientra a pieno titolo nella manovra finanziaria che è stata approvata, proprio pochi giorni fa, dal Senato. E che include, come è giusto ricordare, vari bonus (ne abbiamo parlato qui e anche qui) destinati alle famiglie italiane con Isee basso.

Quello introdotto per tendere la mano agli italiani che possiedono un cane, un gatto o un qualunque altro animale da compagnia, non è un incentivo che arriverà “fisicamente” nelle loro tasche. Ma si tratterà, ad ogni modo, di un validissimo aiuto per far tornare i conti allo scadere del mese.

Bonus 2021 per chi ha cani e gatti: come funziona?

Bonus 2021
Ci sarà un piccolo rimborso per le spese veterinarie (Pixabay)

La manovra finanziaria, tra le tante cose, ha approvato un aumento della detrazione sulle spese che riguardano le cure veterinarie per il nostro amico a quattro zampe. Per effetto della legge n. 178/2020, comma 333, il tetto in base al quale calcolare questa detrazione ha subito un piccolo aumento.

Siamo passati da 500 euro, questo era il tetto massimo fissato per l’anno che si è appena concluso, a 550 euro. Non si tratta di un incremento enorme, ma comporterà comunque un gran bel risparmio per chi dovrà sostenere spese veterinarie finalizzate alla cura del proprio animale domestico.

Il che, tradotto dal burocratese e calcoli alla mano, significa che la quota che potrebbe potenzialmente rientrare nelle tasche delle famiglie con animali a carico è di 80 euro circa. Sempre ammesso, naturalmente, che le spese veterinarie vengano saldate con mezzi tracciabili, come disposto dalla legge n. 124/2019.