Fognini sotto accusa: li ha mandati su tutte le furie | Polemica in diretta

Fognini, il tennista italiano di nuovo al centro delle polemiche: ecco cosa ha combinato e chi se l’è presa con lui.

Nel giro di appena 72 ore, il Bel Paese ha perso tre dei suoi più illustri rappresentanti volati in Australia per giocare il primo Slam dell’anno. Il primo a uscire di scena è stato Lorenzo Musetti, la cui prestazione poco convincente sarebbe stata influenzata dal malore che ha colpito il suo coach, Simone Tartarini, poco prima della partita.

Fognini sotto accusa: li ha mandati su tutte le furie | Polemica in diretta
Instagram

Gli ha fatto subito seguito Matteo Berrettini, inaspettatamente eliminato al primo turno dell’evento di cui lo scorso anno era stato protagonista indiscusso. Infine, pochi minuti fa, è spettato a Fabio Fognini salutare il Melbourne Park e il pubblico dell’area. Forse per l’ultima volta, considerando che le voci di un suo presunto ritiro a fine anno si fanno sempre più insistenti e che, qualche giorno fa, ha detto addio ad Auckland come se fosse stato certo di non tornare mai più in Nuova Zelanda.

Se mai dovesse essere vero, se mai dovessero essere, questi, gli ultimi tornei di Fognini, avremo comunque una certezza indissolubile. Che ne uscirà, cioè, alla sua maniera: tra le polemiche, non in silenzio. Già, perché il tennista di Arma di Taggia è stato al centro di molte di esse, negli anni, e non sembra avere ancora finito. È finito ancora una volta sotto accusa proprio in queste ore, tanto ha fatto infuriare i media australiani.

Dito puntato contro Fognini: “È tanking”

Ma cosa ha combinato, vi starete legittimamente chiedendo, il marito di Flavia Pennetta? In realtà nulla, o forse sì, dipende dai punti di vista.

I giornalisti australiani gli hanno puntato il dito contro per via del suo atteggiamento in campo. A loro avviso, nella gara contro Thanasi Kokkinakis, il sanremese non avrebbe neanche provato a difendersi. I parziali della partita testimoniano in effetti che non c’è stata gara, ma da qui a supporre che si sia macchiato del reato di tanking – giocare perdendo di proposito – ce ne passa. Le telecamere hanno più volte indugiato sulla sua mano destra, chiaramente sanguinante, ragion per cui è possibile anche che sia stato questo problema ad impedirgli di reagire come, magari, avrebbe voluto e potuto.

“Non so come spiegarlo. Quello che stiamo vedendo parla da sé – ha commentato il giornalista Adam Peacocks durante la diretta – Thanasi colpisce bene la palla, serve bene e ha un buon ritmo. Si muove alla grande. La sua partita è molto solida, ma il suo avversario non lo ha ancora messo alla prova. Fognini ha una grande immaginazione in campo e cerca ottimi colpi, ma oggi non reagisce” . L’accusa più grave gliel’ha però mossa Marc McGowan del The Age: “Fabio Fognini sembra non avere alcun interesse nei confronti del match contro Kokkinakis. Sta camminando molto vicino alla linea del tanking. E sono stato generoso”. Certo che li ha fatti arrabbiare un bel po’…