Berrettini e Sinner non si possono vedere: l’ennesima conferma

Berrettini e Sinner, è successo ancora una volta e adesso è ufficiale: i due tennisti azzurri non si possono proprio vedere.

Un po’ lo temono e un po’ lo desiderano, i tennissofili italiani. Perché se da una parte sarebbe bellissimo e avvincente, vederli lottare l’uno contro l’altro nella stessa “arena”, dall’altra sarebbe davvero difficile scegliere per chi dei due propendere durante quello che sarebbe, a queste latitudini, il match del secolo.

Berrettini
©️LaPresse

Ma, purtroppo o per fortuna, almeno per il momento il problema non si pone. L’epica sfida tra Matteo Berrettini e Jannik Sinner, che stavolta abbiamo miracolosamente sfiorato, è saltata. Di nuovo. Per l’ennesima volta. Le possibilità che si scontrassero agli ottavi erano altissime, ma è andato tutto storto.

Il tennista romano è uscito direttamente al primo turno, cosa che nessuno aveva minimamente preso in considerazione, avendoci lui abituati a ben altre prestazioni. E la sua prematura eliminazione ha mandato in fumo, di fatto, i sogni dei tifosi italiani.

Berrettini e Sinner, questo match non s’ha da fare

Berrettini
©️LaPresse

I fan del numero 1 e del numero 2 del Bel Paese fremevano dalla voglia di godersi la tanto attesa sfida tra Berrettini e Sinner, ma neanche stavolta, ahinoi, è stato possibile. Sembra quasi che questa partita non s’ha da fare, visto e considerato che è già accaduto più volte in passato che saltasse da un momento all’altro.

Tante volte Matteo e Jannik si sono “avvicinati”, sfiorati all’inverosimile, senza mai però incontrarsi per davvero. E altrettante volte abbiamo creduto di essere ad un passo dal vederli l’uno di fronte all’altro, così da capire, finalmente, chi tra i due fosse in grado di individuare più velocemente la chiave per disinnescare l’altro azzurro.

Niente da fare, invece: Berrettini e Sinner proprio non si possono vedere, nel senso che è il destino che non li mette in condizione di affrontarsi, e questa non è che la conferma ufficiale. L’ennesima. Meglio gettare la spugna e non pensarci più, a questo punto: quel che sarà, sarà.