Juventus-Lazio, Serie A (sabato)

Serie A
Serie A

Juventus-Lazio è la prima partita della seconda giornata del campionato di Serie A e la prima ufficiale di Cristiano Ronaldo allo Stadium: le probabili formazioni, le cose da sapere e il pronostico. L’anno scorso la Lazio è riuscita nell’impresa di vincere a Torino: ripetersi sarà molto complicato.

JUVENTUS – LAZIO | sabato ore 18:00

Juventus-Lazio è la prima partita della seconda giornata del campionato di Serie A e la prima ufficiale di Cristiano Ronaldo allo Stadium. L’anno scorso la Lazio è riuscita nell’impresa di vincere a Torino: ripetersi sarà molto complicato.

La Juventus è ancora la più forte in Italia

La partita contro il Chievo ha confermato l’incredibile forza della Juventus quando gioca in Italia. Per una volta, la squadra allenata da Allegri era stata parecchio sfortunata, e il Chievo pur giocando male e soffrendo per tutta la partita, con due tiri in porta si era ritrovato in vantaggio. E alla fine sembrava in grado di portare a casa quanto meno il pareggio. Ancora una volta la Juventus, come spesso le è capitato nella scorsa stagione (famose in tal senso le vittorie contro Lazio e Inter), ha ribaltato la partita nel finale, vincendo nei minuti di recupero.

Del resto la squadra che ha vinto gli ultimi sette campionati di Serie A si è rinforzata ancora di più nel corso dell’ultimo calciomercato estivo, acquistando in particolare quello che negli anni passati è stato il calciatore più forte del mondo, Pallone d’Oro per quattro volte negli ultimi cinque anni. Cristiano Ronaldo oltre a essere il calciatore più forte al mondo, o uno dei due più forti al mondo, è un professionista esemplare, e va perfettamente a inserirsi in un contesto di una società che fa del lavoro e della serietà i suoi pregi migliori. L’arrivo di CR7 porta inevitabilmente con sé anche rinnovate ambizioni, in Italia come in Europa, e fame di nuove vittorie.

La Juventus era già la squadra più forte d’Italia, con Cristiano Ronaldo il divario è aumentato ancora e soltanto il campo potrebbe smentire questo parere che sulla carta appare difficilmente confutabile. Oltre a Cristiano Ronaldo, nel corso di questa estate è tornato Leonardo Bonucci in difesa. Il difensore sarà importante soprattutto in avvio di manovra, contro le squadre chiuse in difesa la Juventus avrà un regista in più, mentre contro quelle che proveranno a pressare altro avrà un calciatore abile nelle verticalizzazioni. C’è poi un nuovo centrocampista di quantità e qualità, Emre Can, che rispetto a Sami Khedira è più integro sul piano fisico e contribuirà così a dare maggiori opzioni e continuità al gioco della Juventus.

L’unico dubbio, confermato in parte dai due gol subiti contro il Chievo, qualcosa di anomalo per la Juventus anche nelle giornate più storte, riguarda la difesa. Cristiano Ronaldo ha fatto forse passare inosservato l’addio di Gigi Buffon, portiere di grande carisma. Wojciech Szczesny è uno dei più bravi d’Europa e lo ha già dimostrato l’anno scorso, ora però partirà da titolare e dovrà imporsi anche a livello di personalità per non soffrire la concorrenza del nuovo arrivato Mattia Perin. La Juventus in alcune partite rischia inoltre di essere troppo sbilanciata: ha due terzini molto offensivi (Cancelo e Alex Sandro) e per Allegri sarà complicato tenere fuori di volta in volta troppi attaccanti. Il tridente è difficile

Lazio, una partenza in salita

La stagione è iniziata male per la Lazio. Il calendario non è stato d’aiuto, e avere perso la prima partita contro il Napoli mette la squadra nelle condizioni di restare ferma a zero punti dopo le prime due giornate. Ancora non è stata smaltita la delusione per la mancata qualificazione in Champions League, sfumata nell’ultima giornata dello scorso campionato contro l’Inter. Il rapporto tra il presidente Lotito e l’allenatore Simone Inzaghi sono più tesi, la richiesta del club è quella di ottenere la qualificazione in Champions League, difficile da ottenere secondo l’allenatore con questa rosa. E non ha tutti i torti.

La Lazio ha confermato il capocannoniere dello scorso campionato, Ciro Immobile, a segno anche nella prima giornata contro il Napoli con una grande giocata. Alla fine è rimasto, a meno di clamorosi colpi di scena, anche il centrocampista offensivo Sergej Milinkovic-Savic, il migliore nella passata stagione. La Lazio è ancora molto competitiva nonostante le cessioni estive di Stefan De Vrij e di Felipe Anderson, ma i nuovi acquisti non sembrano potere mettere la squadra in grado di lottare ad armi pari con Juventus, Inter, Roma e Napoli, senza dimenticare il Milan che pure si è rinfozato. Francesco Acerbi è un valido difensore ma è da valutare il rendimento in una squadra con ambizioni ben diverse dal Sassuolo, dopo il fallimento ai tempi del Milan. L’esterno sinistro Riza Durmisi e il centrocampista Milan Badelj servono più che altro ad aumentare le alternative, non la potenzialità della formazione tipo. Gli altri nuovi arrivati sono Valon Berisha e Joaquín Correa: non hanno lo stesso valore in termini potenziali di Felipe Anderson, e sono un po’ troppo discontinui.

Le ultime notizie sulle formazioni

L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri deve rinunciare ai soli Mattia De Sciglio e Leonardo Spinazzola. In questa partita potrebbe optare per il modulo 4-2-3-1, con l’inserimento di Mario Mandzukic in attacco. Con questa soluzione, sarebbe Juan Cuadrado a finire in panchina, con Douglas Costa, Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala a giocare in appoggio al croato, a meno che Ronaldo non giochi da attaccante centrale con Mandzukic schierato a sinistra A centrocampo Blaise Matuidi ed Emre Can sono due soluzioni a partita in corso, per fare rifiatare Sami Khedira. Nel 4-2-3-1, il compagno di reparto di Miralem Pjanic sarà costretto a correre parecchi chilometri per assicurare la giusta copertura. In porta il titolare sarà ancora Szczesny, difficile immaginare cambi per Cancelo, Bonucci, Chiellini e Alex Sandro anche se le alternative non mancano.

Secondo le ultime indiscrezioni, potrebbe giocare Barzagli come terzino destro e in caso di 4-3-3 potrebbe esserci l’inserimento di Matuidi a centrocampo. Le soluzioni sono infinite ed è davvero difficile azeccare la formazione iniziale, lo stesso Allegri ha ancora dei dubbi.

Dall’altra parte rispetto all’ultima partita Simone Inzaghi recupera Lucas Leiva a centrocampo e Nenad Lucic sulla fascia sinistra. Sono rientri molto importanti, ma l’assenza di Luiz Felipe si farà sentire in difesa dove c’è il ballottaggio tra Wallace e Bastos per sostituirlo. A convincere meno è la difesa, di questa Lazio: il trio Wallace-Acerbi-Radu sarà difficilmente in grado di tenere a bada i fortissimi attaccanti della Juventus.

Come vedere Juventus-Lazio in diretta TV o in streaming

La partita tra Chievo e Juventus verrà trasmessa in diretta Tv da Sky Sport e in streaming tramite l’app di Sky GO.

Il pronostico

La Lazio l’anno scorso ha vinto a Torino, interrompendo una serie di 13 partite esterne senza successi contro la Juventus (3 pareggi e 10 sconfitte). Ripetersi sarà molto complicato. La Juventus in questa versione offensiva potrebbe lasciare spazi da attaccare per Ciro Immobile, e un gol della Lazio non è da escludere. Resta il fatto che la Juventus è nettamente favorita per la vittoria.

Le probabili formazioni di Juventus-Lazio

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Ronaldo; Mandzukic.
LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Wallace, Acerbi, Radu; Marusic, Parolo, Leiva, Milinkovic-Savic, Lulic; Luis Alberto; Immobile.

PROBABILE RISULTATO: 3-1