Formula 1: i pronostici sul Gran Premio della Francia

Sul circuito di Le Castellet, al termine delle qualifiche del Gran Premio di Francia, le due Mercedes si sono piazzate in prima fila. Lewis Hamilton partirà in pole position, seguito da Bottas, la Ferrari di Vettel, le due Red Bull e l’altra Ferrari. Come velocità sul giro secco non c’è mai stata storia: le Mercedes sono superiori. Ma in assetto da gara la Ferrari è sembrata andare molto forte. La partenza è alle 16:10.

Come sono andate le qualifiche

Le qualifiche si sono svolte con temperature notevolmente più basse rispetto a quelle di venerdì, durante le prove libere. In molti hanno messo in conto che questo potesse condizionare le prestazioni delle macchine, ma di sicuro la Mercedes ha confermato le ottime velocità mostrate il giorno prima, quando c’erano venti gradi in più. Lewis Hamilton si è giocato la pole position con il suo compagno di squadra, Valtteri Bottas, e alla fine ha compiuto un giro più veloce di circa un decimo di secondo rispetto a quello di Bottas.

La Ferrari, contrariamente a quanto accaduto in gran parte delle gare di questo campionato, stavolta non è mai stata seriamente favorita per la pole position. Sia Sebastian Vettel che Kimi Raikkonen hanno faticato a ottenere un giro veloce che, a loro dire, riflettesse il potenziale della macchina in ciascuno dei settori della pista. Vettel come al solito è riuscito a limitare i danni ottenendo un utilissimo terzo tempo. Raikkonen non è stato in grado di ottenere un buon giro nella terza sessione delle qualifiche (Q3) e partirà ancora una volta in sesta posizione, ossia l’ultima a disposizione dei piloti delle tre squadre più veloci del campionato.

Le Red Bull hanno girato oltre mezzo secondo più lentamente della Mercedes di Hamilton, e nessuno dei due sembra in grado di potersi giocare la vittoria, a meno di eventi eccezionali nel corso della gara. A differenza del suo compagno di squadra, Ricciardo si è inoltre lamentato di aver scelto un assetto con troppo carico aerodinamico, che rischia di penalizzarlo anche in gara.

Molti titoli sono stati dedicati a Charles Leclerc, il ventenne pilota della Sauber che ha ottenuto un ottimo ottavo tempo, e che in questi giorni viene indicato dagli addetti come il più probabile sostituto di Raikkonen in Ferrari, qualora il finlandese non venisse riconfermato per la prossima stagione. Più veloce di lui è andato Carlos Sainz con la Renault, che partirà settimo.

La griglia di partenza

pos pilota squadra/motore tempo ritardo
1 Lewis Hamilton Mercedes 1m30.029s
2 Valtteri Bottas Mercedes 1m30.147s 0.118s
3 Sebastian Vettel Ferrari 1m30.400s 0.371s
4 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m30.705s 0.676s
5 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m30.895s 0.866s
6 Kimi Raikkonen Ferrari 1m31.057s 1.028s
7 Carlos Sainz Renault 1m32.126s 2.097s
8 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 1m32.635s 2.606s
9 Kevin Magnussen Haas/Ferrari 1m32.930s 2.901s
10 Romain Grosjean Haas/Ferrari
11 Esteban Ocon Force India/Mercedes 1m32.075s
12 Nico Hulkenberg Renault 1m32.115s
13 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m32.454s
14 Pierre Gasly Toro Rosso/Honda 1m32.460s
15 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m32.820s
16 Fernando Alonso McLaren/Renault 1m32.976s
17 Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 1m33.162s
18 Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 1m33.636s
19 Lance Stroll Williams/Mercedes 1m33.729s
20 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 1m33.025s

I pronostici per la gara

Non si prospetta una gara di facilissima lettura. Sebbene in qualifica abbia avuto difficoltà sul giro singolo, nelle precedenti prove libere la Ferrari aveva mostrato di avere molta velocità con la macchina in assetto da gara. Forse intuendo che non c’erano stavolta né le condizioni né le premesse per contendere la pole position a Hamilton, la Ferrari ha scelto una strategia diversa per quanto riguarda le gomme. Tra i piloti delle squadre più forti i due piloti della Ferrari saranno gli unici a partire con gomme di tipo ultrasoft, teoricamente più adatte a compiere pochi giri molto veloci. Mercedes e Red Bull partiranno con le supersoft.

Ammesso che la strategia della Ferrari si dimostri più efficace delle altre (e non è detto), non sarà comunque facilissimo compiere sorpassi date le caratteristiche della pista di Le Castellet.

BOTTAS-RAIKKONEN: 1 (1.33) RAIKKONEN: 3° / BOTTAS: 7°
ERICSSON-HARTLEY 1 (1.55) ERICSSON: 13° / HARTLEY: 14°
VERSTAPPEN-RICCIARDO 1 (1.75) VERSTAPPEN: 2° / RICCIARDO: 4°
Quota totale: 3.60, SNAI

 

 

Aggiornamento lunedì 25 giugno 2018, ore 09:00

La classifica finale del Gran Premio, per agevolare la verifica dei pronostici corretti e di quelli sbagliati, e per tenere un archivio da consultare.

GIRO PIÙ VELOCE: Valtteri Bottas (Mercedes)
Pos pilota squadra giri tempo/distacco
1 Lewis Hamilton Mercedes 53 1h30m11.385s
2 Max Verstappen Red Bull/Renault 53 7.090s
3 Kimi Raikkonen Ferrari 53 25.888s
4 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 53 34.736s
5 Sebastian Vettel Ferrari 53 1m01.935s
6 Kevin Magnussen Haas/Ferrari 53 1m19.364s
7 Valtteri Bottas Mercedes 53 1m20.632s
8 Carlos Sainz Renault 53 1m27.184s
9 Nico Hulkenberg Renault 53 1m31.989s
10 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 53 1m33.873s
11 Romain Grosjean Haas/Ferrari 52 1 giro
12 Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 52 1 giro
13 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 52 1 giro
14 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 52 1 giro
15 Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 52 1 giro
16 Fernando Alonso McLaren/Renault 50 guasto alla sospensione
17 Lance Stroll Williams/Mercedes 48 foratura
Sergio Perez * Force India/Mercedes 27 guasto alla power unit
Pierre Gasly * Toro Rosso/Honda 0 incidente
Esteban Ocon * Force India/Mercedes 0 incidente

* non classificati
(i piloti “non classificati” sono soltanto quelli che non completano almeno il 90% dei giri previsti)