Euro 2016: Ungheria-Portogallo (mercoledì)

Europei 2016
I pronostici sulle partite di calcio di Euro 2016

Mercoledì alle 18:00 si gioca la terza e ultima giornata del gruppo F di Euro 2016, con il Portogallo ancora a caccia della prima vittoria, indispensabile per evitare l’eliminazione: approfondimenti, probabili formazioni e pronostici.

UNGHERIA – PORTOGALLO | mercoledì ore 18:00

Ungheria e Portogallo giocheranno l’ultima partita del gruppo F di Euro 2016 allo “Stade de Lyon”, mercoledì pomeriggio alle 18:00 (la partita sarà trasmessa in esclusiva da Sky, non dalla Rai). Ungheria e Portogallo sono inserite nel gruppo F di Euro 2016 con Islanda e Austria. Questa è la classifica attuale: Ungheria 4, Portogallo 2, Islanda 2, Austria 1.

Come sono andate le prime due partite dell’Ungheria

Dopo la sorprendente quanto meritata vittoria nel primo turno per 2-0 contro l’Austria, l’Ungheria ha ottenuto un buon pareggio contro l’Islanda, rimediando con un autogol segnato a tre minuti dal novantesimo al calcio di rigore segnato da Sigurdsson nel primo tempo. L’Ungheria nella seconda partita ha ripetuto modulo e calciatori dell’esordio, ma rispetto alla disorganizzata Austria che le ha permesso di vincere giocando in contropiede, l’Islanda ha dimostrato di avere una buona fase difensiva e la partita è stata molto equilibrata. Grazie ai quattro punti fatti finora l’Ungheria è prima in classifica e soprattutto è sicura della qualificazione agli ottavi di finale, nel peggiore dei casi come migliore terza.

Come sono andate le prime due partite del Portogallo

Il Portogallo non ha giocato male contro Islanda e Austria, eppure non è riuscito a vincere nessuna delle due partite e si ritrova al terzo turno del girone sulla carta più abbordabile di Euro 2016 senza avere ancora la sicurezza del passaggio del turno. Nella prima partita contro l’Islanda il computo dei tiri fatti è stato 17 a 4, ma il risultato finale è stato di 1-1. Contro l’Austria è andata ancora peggio: nonostante 16 tiri fatti (solo 3 quelli degli avversari) tra cui uno su calcio di rigore, il Portogallo non è riuscito a segnare. La nazionale allenata da Fernando Santos ha comunque mostrato un’ottima organizzazione tattica a livello difensivo, ma ha confermato i problemi offensivi che già aveva avuto nel corso del girone di qualificazione. Il Portogallo ha un solo fromboliere, Cristiano Ronaldo, e se non segna lui – sbagliando addirittura un calcio di rigore – fare gol diventa molto più complicato.

Il modulo e i giocatori dell’Ungheria

Il commissario tecnico dell’Ungheria Bernd Storck dovrebbe affidarsi ancora una volta al 4-2-3-1, con una interpretazione molto difensiva: tranne l’attaccante centrale, tutti gli altri calciatori restano dietro la linea del pallone in fase di non possesso. In porta – nonostante l’errore nell’ultima partita costato il calcio di rigore con cui l’Islanda è passata in vantaggio – ci sarà il quarantenne Gabor Kiraly, famoso per la sua divisa con i pantaloni lunghi. In difesa il terzino destro Fiola dopo avere saltato la sfida contro l’Islanda per infortunio potrebbe essere lasciato ancora a riposo, e al suo posto dovrebbe essere confermato Lang. Gli altri tre difensori saranno Guzmics, Lang e Kadar, quest’ultimo diffidato. In mezzo al campo, il veterano Zoltan Gera – ex West Bromwich Albion e Fulham – sarà affiancato ancora una volta dall’emergente Adam Nagy. Sulla trequarti, il recuperato Lovrencsics e Kleinheisler si piazzeranno accanto a Balasz Dzsudzsak, il calciatore più forte di questa squadra. In attacco, probabile staffetta tra Szalai e Stieber.

Il modulo e i giocatori del Portogallo

Il Portogallo è una squadra molto solida a livello difensivo, gioca con il 4-3-3: preferisce di solito schierarsi con un baricentro molto basso. Ha una coppia centrale di difensori di grande esperienza e ad assicurare ulteriore copertura c’è un mediano tostissimo (Danilo o William Carvalho) piazzato a protezione della difesa. Il Portogallo preferisce giocare in contropiede, sfruttando la velocità di Nani e soprattutto il grande potenziale di Cristiano Ronaldo. Contro l’Ungheria che farà catenaccio sarà difficile trovare spazi nelle ripartenze, motivo per cui per creare occasioni da gol il Portogallo potrebbe affidarsi soprattutto ai tiri dalla distanza, dando per il resto ai terzini Vieirinha ed Eliseu (che dovrebbe prendere il posto dell’acciaccato Raphael Guerreiro) maggiore libertà d’attaccare.

A centrocampo visto il tipo di partita a cui andrà incontro il Portogallo, il commissario tecnico potrebbe decidere di dare spazio fin dal primo minuto al giovane Renato Sanches, sul quale il Bayern Monaco ha investito parecchi soldi per prelevarlo dal Benfica. In attacco con Cristiano Ronaldo e Nani ci sarà probabilmente Quaresma, per un 4-3-3 a vocazione più offensiva rispetto alle prime due partite.

Che partita può uscirne

L’Ungheria giocherà per lo 0-0, risultato che potrebbe dargli il primo posto del girone. L’obiettivo massimo di questa nazionale a inizio torneo era comunque la qualificazione agli ottavi di finale, già ottenuta aritmeticamente: con gli attuali quattro punti la nazionale allenata da Bernd Storck è sicura del passaggio del turno nel peggiore dei casi come una delle migliori terze. C’è da aspettarsi una squadra schierata tutta in difesa fin dai primi minuti di gioco, mentre il Portogallo ha bisogno dei tre punti per arrivare al primo posto per passare dalla parte del tabellone senza Francia, Germania, Spagna e Italia, che potrebbe poi eventualmente affrontare solo in finale. Cristiano Ronaldo farà di tutto per cancellare le prime due pessime prestazioni e dare alla sua nazionale tre punti fondamentali per il passaggio alla fase finale del torneo.

La vittoria del Portogallo è molto probabile, meno una goleada: la nazionale allenata da Fernando Santos ha vinto tutte le partite di qualificazione a Euro 2016 con un solo gol di scarto. Gli incroci del gruppo F sono a dire il vero tutti quanti complicati: la prima se la vedrà probabilmente col Belgio, la seconda con l’Inghilterra e la terza con la Croazia.

La partita sarà diretta dall’inglese Martin Atkinson.

Le promozioni interessanti dei bookmaker su questa partita

Eurobet rimborserà le scommesse eventualmente perdenti su risultato esatto, primo marcatore (dell’incontro e squadra), parziale/finale, tempo del primo gol e “combobet” (1×2 + Under/Over 2.5 e 1×2 + Gol/NoGol) se Ungheria-Portogallo e Islanda-Austria finiranno entrambe col segno “X”.

Probabili formazioni
UNGHERIA: Király, Lang, Guzmics, Juhász, Kádár, Nagy, Gera, Dzsudzsák, Kleinheisler, Lovrencsics, Szalai.
PORTOGALLO: Rui Patrício, Vieirinha, Ricardo Carvalho, Pepe, Eliseu, William Carvalho, João Moutinho, Renato Sanches, Ricardo Quaresma, Cristiano Ronaldo, Nani.

PROBABILE RISULTATO: 0-1
2 (1.40, Paddy Power)
UNDER 2.5 (1.68, #)
NO GOL (1.55, #)
2 + CRISTIANO RONALDO MARCATORE (2.05, Paddy Power)