NBA: si parte con le finali di Conference

SAN ANTONIO SPURS – MEMPHIS GRIZZLIES

La franchigia più vincente dell’ultima decade contro una neofita assoluta che si affaccia alla porta dell’olimpo Nba. Western Conference Finals, primo atto. Da stasera (alle 21.30 italiane) ci si gioca lo scettro dell’Ovest. Quello che gli Oklahoma City Thunder hanno ceduto, malvolentieri, tre notti fa capitolando in casa 91 a 93 per gli altri, e cioè i Memphis Grizzlies. Proprio loro, gli Orsetti terribili del Tennessee che hanno sbattuto fuori in cinque partite i vicecampioni in carica. Un’impresa che assomiglia un po’ a quella del 2011, quando al primo turno dei playoff gli uomini di coach Hollins sorpresero – guarda caso – i blasonatissimi Spurs, testa di serie numero uno, con una pallacanestro costruita su difesa e strapotere (fisico e tecnico) sotto canestro. Con lo stesso tipo di gioco, migliorato nel tempo, e con il roster quasi identico dopo due anni le strade dei Grizzlies si incrociano nuovamente con quelle dei texani in canotta neroargento. Diversamente da allora, stavolta non c’è un favorito vero. San Antonio può contare sul fattore campo, sulla maggiore esperienza e su una panchina più lunga. Vantaggi importanti, ma ciò non significa che la serie sia già decisa. Anzi. Entrambe hanno avuto la meglio su Golden State e Oklahoma grazie a una super difesa: Memphis ha tenuto i Thunder a 89,9 punti a gara e al 39,9% al tiro, recuperando in media 8 palloni. Gli Spurs hanno sofferto nei primi due match, per poi cambiare registro negli ultimi quattro, limitando i Warriors al 40,5% dal campo e il duo Curry-Thompson a complessivi 27,6 punti in coppia. Decisivi saranno poi gli interessanti duelli tra Duncan e Randolph e Parker e Conley. Le armi in più? Marc Gasol per i Grizzlies e Leonard per San Antonio, tutt’e due devastanti se in serata.

PRONOSTICI: San Antonio vincente (1.44 su Paddypower) – Margine vittoria Spurs da 6-10 punti (4.40 su Paddypower)