Italia, vittoria di misura con la Croazia?

Italia

Scongiurare il rischio biscotto. Pareggiando contro la Croazia, e vincendo la Spagna con l’Irlanda, si ripresenterebbe la stessa identica situazione del 2004 quando gli azzurri furono poi fatti fuori dal 2-2 tra Svezia e Danimarca. L’imperativo per l’Italia è vincere, anche soffrendo.

ITALIA – CROAZIA | ore 18:00

Il pareggio con la Spagna all’esordio è stato valutato positivamente, ma l’Italia è già ad un bivio perché non vincere contro la Croazia potrebbe mettere in serio pericolo la qualificazione ai quarti di finale. E l’appuntamento non è certo dei più semplici perché gli avversari sono di alto livello. La rosa croata presenta un bel mix fra giocatori d’esperienza e giovani interessanti. Uomini-guida sono ancora il capitano Dario Srna, esterno che gioca in Ucraina nello Shakhtar Donetsk, ed il faro di centrocampo Modric, giocatore del Tottenham di grande talento, tanto da essere il primo nome sul taccuino di Mourinho per il mercato estivo del Real Madrid. E in effetti la sua bravura in fase di impostazione si è rivelata decisiva
anche nella vittoria sull’Irlanda. Mario Mandzukic è letale soprattutto se ha una squadra che gioca al suo servizio, e la doppietta all’esordio lo ha dimostrato. Prandelli dovrebbe riproporre la stessa formazione dell’esordio, forse un po’ troppo abbottonata per affrontare i croati. De Rossi darà ancora una mano in difesa e dovrà aiutare Chiellini e Bonucci nel bloccare Mandzukic e Jelavic, giocatori che alla prima occasione utile sanno punirti. Perisic e Rakitic sono centrocampisti dalle spiccate doti offensive, la Croazia però, che già ha concesso parecchie palle gol all’Irlanda, soffre in difesa dove è orfana del centrale più forte, Lovren, e dove schiera il compassato Simunic. Balotelli e Cassano potrebbero essere agevolati da questo. Non sarà in ogni caso una passeggiata per gli azzurri, e per questo motivo si può scegliere l’X con Handicap, ovvero la vittoria con il minimo scarto, bancata all’invitante quota di 3.70. Per quanto riguarda il primo marcatore, la quota di Balotelli è più alta per il ballottaggio con Di Natale. Conviene attendere l’ufficialità delle formazioni e se giocherà dall’inizio puntare su SuperMario.

# gratuito di 5 euro senza versamento offerto da Paddypower e # su Italia-Croazia! Paddy Power rimborserà tutte le scommesse singole perdenti relative al Primo Marcatore, Risultato Esatto, Parziale 1° Tempo/Finale della partita Italia – Croazia qualora Di Natale segnasse durante la partita.

#

I PRECEDENTI
Sono 6 i precedenti tra le nazionali maggiori di Italia e Croazia (1 nelle fasi finali Mondiali, 2 nelle qualificazioni Europee e 3 in amichevole) con bilancio di 1 solo successo dell’Italia, 2 pareggi e 3 affermazioni della Croazia. La sola vittoria dell’Italia risale al primo confronto tra le due nazionali: il 5 aprile 1942, in amichevole, gli azzurri si imposero a Genova per 4-0 con reti di Gabetto (55′), Ferraris (58′), Biavati (64′) e Grezar (rig. 68′). L’Italia ha il primato di pareggi, in cifre assolute: 13 in 28 partite disputate, pari al 46,4% del dato globale. Non vince dall’11 novembre scorso, 2-0 in amichevole in Polonia. Poi 4 gare con 3 sconfitte di fila (0-1 in casa dall’Uruguay, 0-1 in casa dagli Stati Uniti, 0-3 a Zurigo dalla Russia) ed 1 pareggio (1-1 contro la Spagna al debutto di Euro 2012). La nazionale di Bilic è imbattuta agli Europei da 5 partite (tutte quelle del 2008 e la prima del 2012, con 4 vittorie ed 1 pareggio in bilancio), in quella che costituisce la striscia positiva record dell’ex repubblica slava nella sua storia in fasi finali europee. L’ultimo ko risale al 21 giugno 2004, 2-4 dall’Inghilterra nella fase a gironi in Portogallo. La stessa Croazia segna da 7 gare consecutive, per un totale di 12 marcature, con ultimo digiuno datato 13 giugno 2004, 0-0 contro la Svizzera, nella fase a gironi in Portogallo.

L’ARBITRO
Howard Webb è nato il 14 luglio 1971 a Rotherham (Inghilterra). Arbitro internazionale dal 2005 è alla sua seconda presenza ad Euro 2012 dopo Russia-Repubblica Ceca 4-1 dell’8 giugno scorso, con 4 partite totali in fasi finali, incluse le due di Euro 2008, diventa con Italia-Croazia l’arbitro inglese pluripresente alla kermesse, unico fischietto britannico a partecipare a due edizioni diverse. L’Italia A vanta 4 precedenti con lui e bilancio di 1 vittoria (2-1 a Kiev il 12 settembre 2007 nelle qualificazioni ad Euro 2008), 1 pareggio (1-1 ad Atene il 19 novembre 2008 in amichevole) e 2 sconfitte (0-2 dal Brasile in amichevole il 10 febbraio 2009 e 2-3 a Johannesburg il 24 giugno 2010 nella gara contro la Slovacchia, che ci eliminò dal Mondiale sudafricano). La Croazia conta un solo precedente, con sconfitta 0-2 in Grecia il 7 ottobre scorso nelle qualificazioni ad Euro 2012.

AMMONITI
Howard Webb all’esordio non ha tirato fuori nemmeno un cartellino, è arbitro che lascia correre molto il gioco. A questo giro qualche ammonizione ci sarà, la partita si preannuncia molto più calda, ma il numero non dovrebbe essere comunque altissimo e si può per questo osare il segno “X”.

PRONOSTICO: X AMMONIZIONI • [ 4.35, # ]

Probabili formazioni:
ITALIA: Buffon, Bonucci, De Rossi, Chiellini, Maggio, Marchisio, Pirlo, Thiago Motta, Giaccherini, Balotelli, Cassano.
CROAZIA: Pletikosa, Srna, Corluka, Simunic, Strinic, Rakitic, Vukojevic, Perisic, Modric, Jelavic, Mandzukic.

PRONOSTICI: 1 • [ 2.30, # ] – X con Handicap • [ 3.70, # ] – BALOTELLI PRIMO MARCATORE • [ 8.00, # ] – GOL • [ 2.00, # ]