Coppa Italia, stasera la finale Juventus-Napoli

Coppa Italia

Si gioca questa sera all’Olimpico la finale di Coppa Italia tra Juventus e Napoli, due squadre che nei confronti diretti in campionato hanno regalato partite sempre emozionanti. Dal 3-3 del San Paolo alla netta affermazione casalinga dei bianconeri. Come andrà a finire stasera?

JUVENTUS – NAPOLI

Se ci sono in particolare delle zone del campo in cui verrà decisa la finale di Coppa Italia tra Juventus e Napoli, queste sono sicuramente le fasce. E’ infatti sugli esterni che Mazzarri e Conte fanno passare il loro gioco. Se il Napoli è in formazione tipo (out il solo Gargano squalificato), però, la Juventus tra assenze forzate (Chiellini) e turn over di Coppa preimpostato, per così dire, vedrà titolari nella formazione giocatori poco utilizzati nel corso della stagione: Storari, Caceres, Estigarribia e Del Piero, mentre a sorpresa in attacco dovrebbe partire titolare Borriello. Al 3-5-2 dei bianconeri, il Napoli risponderà con uno schema speculare. In difesa, da destra a sinistra, Campagnaro, Cannavaro e Aronica. In mezzo alla mediana Dzemaili e Inler con Hamsik in posizione più avanzata, tra le linee, sulle fasce Maggio e Dossena o Zuniga, davanti Lavezzi e Cavani.

Probabili formazioni:
JUVENTUS: Storari, Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli, Caceres, Pirlo, Marchisio, Estigarribia, Vidal, Del Piero, Borriello.
NAPOLI: De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro, Aronica, Maggio, Dzemaili, Inler, Dossena, Hamsik, Lavezzi, Cavani.


Sia il Napoli che la Juventus attaccano soprattutto dalla parte destra del campo. Il Napoli punta tutto sull’accoppiata Maggio-Lavezzi (o Hamsik), la Juventus solitamente sul duo Lichtsteiner-Vucinic, il cui posto staserà sarà preso da Del Piero. Ma le azioni nascono diversamente. Se i partenopei spesso tendono a finalizzare con repentini cambi di gioco, rivolti a favorire gli inserimenti dei due giocatori sopra citati, nella Juventus la manovra è diversa. Si parte sempre dai piedi di Pirlo, e la maggiore insistenza sulla parta destra sarà per sfruttare l’abilità nell’uno contro uno di Del Piero, che oltre a concludere direttamente potrà confezionare assist al bacio (con o senza l’apporto delle sovrapposizioni del sempre puntuale Lichsteiner) per Marchisio ed Estigarribia che arriverano come al solito puntuali sull’altra fascia convergendo verso il centro. Decisivo poi, come al solito, potrebbe essere Pirlo. Un altro movimento tipico offensivo della Juventus è l’accentramento delle punte per creare spazi esterni in profondità per Lichsteiner da una parte ed Estigarribia dall’altra.

I PRONOSTICI
In virtù delle quote che vedono favorita la Juventus, nonostante i numerosi cambi in formazione, un pensierino al pareggio ben quotato lo si può fare, ma il pronostico base per il veggente è il “gol”. Nei confronti diretti di campionato il possesso palla è stato sempre a favore della Juventus, e così dovrebbe essere anche in questa finale col Napoli che proverà ad essere un po’ più provinciale provando a sfruttare le doti da contropiedisti di Cavani e Lavezzi.

PRONOSTICI: GOL • [ 1.78, # ] – POSSESSO PALLA JUVENTUS • [ 1.25, # ] – X • [ 3.50, # ]