Bayern Monaco-Real Madrid, via alle semifinali

Champions League

Non ci sono più italiane in Champions League, ma non ci possiamo lamentare. Le semifinali propongono Bayern Monaco-Real Madrid e Chelsea-Barcellona, che non è male. Partiamo con l’analisi della sfida dell’Allianz Arena che, lo ricordiamo, ospiterà anche la finale in gara unica.

BAYERN MONACO – REAL MADRID | ore 20:45

Sconfitto in casa del Borussia Dortmund mercoledì scorso, il Bayern Monaco aveva già detto addio al Meisterschale, e lo 0-0 casalingo col Mainz di sabato, in una gara giocata con mezza squadra titolare fuori, non fa testo. Nella sfida contro i gialloneri il risultato di 1-0 per la truppa di Klopp è stato bugiardo. Non che il Borussia Dortmund non meritasse di vincere, ma ci sono state così tante occasioni da rete da una parte e dall’altra che alla fine il segno “under” appare inspiegabile.

La difesa ha confermato, ancora una volta, di essere il punto debole del team di Heynckes, ma che Robben sbagli un rigore e poi un gol a porta vuota, quello no, è un caso irripetibile.

Si trattava, in ogni caso, di una gara giocata in trasferta dal Bayern Monaco. E non è un dettaglio irrilevante dato che, inclusa l’ultima sfida col Mainz in cui si sono tutti preservati in vista proprio di questo match di Champions, su 23 partite, Ribery e compagni non hanno vinto in tre sole occasioni, e hanno segnato 65 reti, quasi tre a partita, subendone soltanto 9. Una sola squadra è riuscita a bucare più di una volta Neuer all’Allianz Arena, il Napoli, che ha comunque perso quell’incontro col risultato di 3-2.

E il Real Madrid? Come si comporta in trasferta la squadra di Mourinho? Nel caso delle merengues il rendimento è praticamente simile in termine di vittorie, cambia soltanto il numero di gol. Meno quelli realizzati, ma paradossalmente sono di meno anche quelli subiti. Eppure qualcosa è cambiato nelle ultime partite. La squadra di Mourinho, nelle quattro trasferte di Liga più recenti, ha sempre subito almeno un gol, e le distrazioni della retroguardia nel match vinto sabato 3-1 contro lo Sporting Gijon preoccupano non poco in vista di questa gara fondamentale, che arriva alla vigilia del “clasico” di Liga. Quando c’è il Barcellona, distante o vicino, vengono a galla clamorose amnesie.

TATTICHE E FORMAZIONI
In questa stagione, col nuovo (si fa per dire) allenatore Heynckes in panchina, lo schema tattico del Bayern Monaco è stato fin da subito il 4-2-3-1. In porta inamovibile Neuer, finalmente un portiere di spessore dopo i tentativi falliti coi giovani Rensing e Kraft. L’ex Schalke 04 si è rivelato un acquisto azzeccato; ogni tanto qualche indecisione c’è stata, ma nel complesso il suo è stato un rendimento al di sopra della media. Il reparto sulla carta più debole è la difesa. Indiscutibile Lahm, che giocherà a destra, i centrali saranno Boateng (nato terzino) e Badstuber, piede educato ma non troppo attento nelle chiusure. A sinistra nelle ultime settimane Heynckes ha promosso Alaba, giovane di nazionalità austriaca che solitamente veniva utilizzato in posizione più avanzata. Vedremo se vincerà il ballottaggio con Rafinha. Se giocherà il brasiliano, Lahm si sposterà sull’altra fascia. In ogni caso, nessuno dei due ha le caratteristiche per fermare Cristiano Ronaldo o Di Maria. A centrocampo dovrebbe tornare titolare Schweinsteiger, imprescindibile in gare come queste. Kroos sta giocando molto bene, ma Luiz Gustavo ha più doti da interditore e così il giovane nazionale tedesco potrebbe entrare in ballottaggio sulla trequarti con Muller, che non è riuscito a ripetere la fantastica stagione passata. Robben e Ribery sulle fasce, Mario Gomez al centro. Attenzione all’attaccante tedesco dal cognome spagnolo: in Champions ha segnato tre gol in più di Cristiano Ronaldo.

Formazione Real Madrid
Il 4-2-3-1 è il modulo preferito anche da Mourinho, che con questo schieramento tattico ha vinto la Champions con l’Inter. In porta andrà Casillas, che in questa stagione ha avuto qualche passaggio a vuoto in più rispetto al recente impeccabile passato, tanto da far parlare di un rapporto non più sereno con il tecnico portoghese. Potrà influire sulla sua prestazione, nonostante l’esperienza, in uno stadio difficile come l’Allianz Arena? Sergio Ramos nelle ultime sfide è apparso anche lui un po’ nervoso. Al centro della difesa non è mai stato davvero impeccabile, renderebbe meglio da terzino destro ma Mourinho non si fida degli altri suoi centrali al di fuori di Pepe. A destra ci sarà con ogni probabilità Arbeloa, senza dubbio il giocatore di minor spessore nell’undici iniziale del Real Madrid. Dalle sue parti ci sarà Ribery, che nell’uno contro uno potrebbe superarlo agevolmente, come Robben dall’altra parte su Marcelo, giocatore con spiccate doti offensive ma che lo portano a volte a dimenticare di effettuare con precisione i giusti tagli in fase difensiva. Centrocampo titolare con Khedira e Xabi Alonso al centro, recuperato Di Maria, la trequarti sarà formata dall’argentino con Ozil e Cristiano Ronaldo. Benzema preferito a Higuain come sempre accade nelle partite che Mourinho reputa più importanti.


PRONOSTICI
Trattandosi pur sempre di una semifinale, nonostante di fronte ci siano due squadra offensive, sarà difficile assistere a una gara con più di tre reti. Ma l’over è una tentazione forte. Sia all’andata che al ritorno sarà con ogni probabilità decisivo il fattore campo. La tentazione del risultato esatto è il 2-1 per il Bayern Monaco. Dal 2000 in poi, su cinque precedenti disputati in Germania, ben quattro sono terminati con questo risultato.

Probabili formazioni:
BAYERN MONACO: Neuer – Lahm, Boateng, Badstuber, Alaba – Luiz Gustavo, Schweinsteiger – Robben, Kroos, Ribery – Gomez.
REAL MADRID: Casillas – Arbeloa, Pepe, Sergio Ramos, Marcelo (Fabio Coentrao) – Khedira, Xabi Alonso – Di Maria, Özil, Cristiano Ronaldo – Benzema.

PRONOSTICI: 1 • [ 2.60, # ] – GOL • [ 1.65, #] – 2-1 RISULTATO ESATTO • [ 9.00, # ]