La Red Bull di nuovo ko: in casa Ferrari si esulta

La Red Bull di nuovo ko, i tecnici di Milton Keynes sembrano sempre più preoccupati in vista del Gran Premiio del Canada. 

Prima del nono appuntamento del Mondiale 2024 di Formula 1, il GP del Canada, a lanciare l’allarme è stato il campione del mondo in persona, Max Verstappen. Il pilota della Red Bull teme che anche a Montreal qualcosa possa non andare per il verso giusto com’è avvenuto due settimane fa a Montecarlo, nel Principato.

La Red Bull di nuovo ko: in casa Ferrari si esulta
La RB20 di Verstappen – IlVeggente.it (Ansa)

Il Gran Premio monegasco, infatti, non ha riservato grosse soddisfazioni all’olandese, che in classifica continua in ogni caso a guardare tutti dall’alto verso il basso, con 31 punti di vantaggio nei confronti del ferrarista Charles Leclerc, trionfatore a Monaco con la sua rossa. Il timore di Verstappen è che le caratteristiche del circuito canadese possano mettere in difficoltà la sua RB20. “Bisogna solamente aspettare – ha detto il nativo di Hasselt – Dobbiamo aspettarci qualche sorpresa a Montreal per via del nuovo asfalto. Per noi non sarà un weekend tranquillo. L’importante è capire che cosa stiamo sbagliando, in modo tale da non commettere altri errori che potrebbero rendere tutto più complicato”. Per la prima volta dopo diverso tempo, dunque, in casa Red Bull c’è una certa tensione. Ed è anche abbastanza normale, se consideriamo che il Mondiale, ad oggi, è più aperto che mai, nonostante Verstappen rimanga nettamente favorito per la vittoria dell’ennesimo titolo.

La Red Bull di nuovo ko, cordoli e gomme preoccupano Verstappen

Il campione in carica finora ha vinto cinque degli otto Gran Premi disputati. In Australia si è ritirato, mentre a Miami a mettersi di traverso è stata una safety car. Infine l’errore in Q3 nel Principato.

La Red Bull di nuovo ko: in casa Ferrari si esulta
Verstappen – IlVeggente.it (Ansa)

Tre “cadute” che hanno reso il fenomenale pilota olandese più “umano”. Come più “umana” è sicuramente la Red Bull, che inizia probabilmente a sentire il fiato sul collo di Ferrari e McLaren, le quali puntano a ridurre il gap già a partire dalla prossima stagione. Un problema che i tecnici di Milton Keynes non riescono a risolvere, come spiega il portale FormulaPassion.it, è quello dei cordoli. A Monaco le Red Bull hanno perso dei decimi proprio perché impossibilitati a tagliare le traiettorie. Senza dimenticare l’usura delle gomme sempre più frequente, altra fonte di preoccupazioni in casa Red Bull. Vedremo cosa succederà a Montreal, un Gran Premio che per la Ferrari rappresenta un’occasione importante per provare a riaprire il Mondiale.

Impostazioni privacy