Sinner re di Napoli: se non ce l’hai non sei nessuno

Sinner è più azzurro di tutti gli azzurri: il tennista altoatesino si è guadagnato il titolo di re partenopeo.

Qualcuno lo fa alla vecchia maniera, rispettando in tutto e per tutto la tradizione. Qualcun altro preferisce, alla solita rappresentazione, qualcosa di un po’ più moderno e meno convenzionale. Segno che anche il presepe, così come tutto il resto, si adatta perfettamente ai tempi che cambiano e ai gusti che si evolvono.

Sinner re di Napoli: se non ce l'hai non sei nessuno
Sinner – (AnsaFoto) – Ilveggente.it

La natività non si tocca, quella è d’obbligo, ma il contorno sì: su quello si può giocare come meglio si crede e sono in tanti, quindi, ad optare per qualcosa di un po’ più frizzantino. Ecco spiegato perché, lungo via San Gregorio Armeno, le statuine che rappresentano i personaggi della tv, dello sport, della moda, della musica e così via vadano per la maggiore. Belli, per carità, i fornai che mettono a cuocere il pane perfettamente lievitato, i pastori che governano le pecore, la lavandaia che fa il bucato giù al fiume. La voglia di cambiare però è tanta ed è per questo motivo che le “riproduzioni” su scala dei vip vanno praticamente a ruba.

E indovinate un po’, secondo quanto raccontato da uno dei maestri presepiali di Napoli al Fatto Quotidiano, qual è nel Natale 2023 la statuetta più venduta? Se non ne avete idea, ripensate un po’ all’anno su cui sta per calare il sipario e sforzatevi di ricordare quale, tra i tanti personaggi che lo hanno connotato, sia stato il più gettonato.

Sinner Spaccanapoli: tutti lo vogliono

Qualcuno potrebbe avere intuito che è di Jannik Sinner che stiamo parlando, il tennista che ha colorato d’azzurro il mondo intero e che ha contribuito in maniera significativa alla conquista, da parte della Nazionale italiana, della mitica Coppa Davis. È del tutto lecito, dunque, come vi avevamo già raccontato qui, che a San Gregorio Armeno tutti lo vogliano e tutti lo cerchino.

Sinner re di Napoli: se non ce l'hai non sei nessuno
La statuina del presepe di Jannik Sinner (X)

Lungo la via dei presepi, così dicono i proprietari delle splendide botteghe a un tiro di schioppo dalla famosa Spaccanapoli, i clienti non hanno occhi che per Sinner. Jannik sarebbe addirittura più richiesto, il che rappresenta un dato molto significativo, dei calciatori che vestono la maglia azzurra del Napoli. Un’ulteriore testimonianza del fatto che il tennis piace oramai quanto il calcio e che il pallone non è più la sola passione che muove gli italiani.

Sinner è comunque in buona compagnia. Come riferito al Fatto Quotidiano dal maestro presepiale intervistato per l’occasione, sono gettonati quanto Jannik anche le statuine per il presepe che hanno le sembianze di Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni ed Elly Schlein. E vanno fortissimo anche quelle dei cantanti neomelodici napoletani.

Impostazioni privacy