WhatsApp, la funzione è già in beta: rivoluzione in arrivo

WhatsApp, la rivoluzione è in arrivo. La nuova funzione al momento è disponibile solo per gli utenti beta ma, presto, verrà lanciata per tutti gli smartphone.

WhatsApp è l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo e con i suoi costanti aggiornamenti riesce sempre a soddisfare le più svariate esigenze degli utenti. Oltre all’invio e alla ricezione di semplici messaggi, la piattaforma presenta numerose funzioni e presto rivoluzionerà ulteriormente l’esperienza degli utenti.

WhatsApp, la funzione è già in beta: rivoluzione in arrivo
WhatsApp, la funzione è già in beta (Pixaby)

Creata nel 2009 e acquistata cinque anni più tardi da Meta, WhatsApp ha milioni di utenti attivi in tutto il mondo. L’applicazione è apprezzata in particolare per la sua semplicità e comodità, oltre che per le sue diverse feature.

Sulla scia di altre piattaforme, come Instagram e Facebook, negli ultimi tempi sono stati aggiunti gli aggiornamenti di stato e le reazioni ai messaggi. Da qualche mese sono stati resi disponibili anche gli avatar personalizzabili dagli utenti.

Gli sviluppatori hanno lavorato anche al lancio di funzioni come WhatsApp Community – la sezione dedicata alla gestione dei gruppi. O il player che permette di ascoltare i messaggi vocali anche fuori da una chat.

Proprio i messaggi vocali, da diverso tempo, sono uno dei punti forti della piattaforma. Presto non si limiteranno alle chat singole o di gruppo. Nelle versioni beta, infatti, è già arrivata la novità di cui probabilmente potremo usufruire tutti nei prossimi mesi.

WhatsApp, la nuova funzione riguarda gli aggiornamenti di stato

I beta tester che hanno accesso alla versione 2.23.2.8. di WhatsApp per Android hanno segnalato la nuova feature. La notizia è stata riportata sul sito WABetaInto e riguarda la possibilità di impostare i messaggi vocali come aggiornamento di stato.

Alla solita interfaccia, oltre ai classici tasti per condividere foto e immagini, è stato aggiunto un pulsante a forma di microfono nelle versioni beta. Facendo clic su quest’ultimo verrà attivata la registrazione.

WhatsApp, la funzione è già in beta: rivoluzione in arrivo
(Pixabay)

Una volta salvato il vocale, gli utenti devono dare conferma così che il file audio venga pubblicato come aggiornamento di stato. A questo punto, il vocale verrà inserito nelle storie.

Gli utenti possono decidere se rendere il file pubblico o fare in modo che possa essere ascoltato solamente da determinati contatti, precedentemente selezionati tra i numeri in rubrica. La misura punta a garantire una maggiore privacy.

I messaggi vocali sono già molto popolari e, per questo motivo, la speranza è che la nuova funzione venga resa disponibile per tutti gli smartphone il prima possibile. Sarà tuttavia necessario aspettare i prossimi aggiornamenti: la feature è ancora in fase di test e potrebbe anche subire alcune modifiche.