Napoli-Cremonese, la terna arbitrale è tutta al femminile

Napoli-Cremonese, stasera la squadra di Spalletti ospita quella del neo tecnico Ballardni. Prima volta storica: terna arbitrale tutta al femminile

In meno di un mese è la seconda volta che succede: il debutto, quello ufficiale, c’è stato lo scorso 26 dicembre nel Boxing Day di Serie B nella sfida dello Stirpe tra Frosinone e Ternana. Stasera invece per la prima volta una terna tutta al femminile dirigerà due squadre di Serie A. Una svolta.

Napoli-Cremonese, la terna arbitrale è tutta al femminile
La terna arbitrale che dirigerà Napoli-Cremonese ©️LaPresse

Sì, perché Maria Sole Ferrieri-Caputi, Tiziana Tralasciatti e Francesca Di Monte saranno in campo nella sfida del San Paolo tra Napoli e Cremonese. E in panchina non ci sono due persone tranquille: perché Spalletti è uno che di solito si fa sentire, mentre Ballardini essendo al debutto sulla panchina dei lombardi dopo aver preso il posto di Alvini in questa settimana, vuole sicuramente fare bella figura. Insomma, una prima con i fiocchi. In attesa che anche in Serie A possa succedere la stessa cosa.

Napoli-Cremonese, la prima volta storica

Una prima volta storica. Ma che mette l’Italia comunque al passo con i tempi. Rocchi, designatore, che domani sarà a Riad per la finale di Supercoppa dove ci sarà un altro debutto, quello del fuorigioco semiautomatico, ha piena fiducia della classe arbitrale femminile. Anche perché le prestazioni parlano per le ragazze in questione: attente e puntuali, a differenza di qualche collega maschio che nell’ultimo periodo ha preso granchi.

Napoli-Cremonese, la terna arbitrale è tutta al femminile
Maria Sole Ferrieri-Caputi sarà il direttore di gara ©️LaPresse

Adesso il conto alla rovescia è iniziato per il debutto tutte insieme in Serie A dopo quello che già c’è stato nella serie cadetta. Secondo la Gazzetta dello Sport in edicola questa mattina questo non dovrebbe ritardare, anzi: nello spazio di poche settimane la terna al femminile potrebbe anche calcare i campi della massima serie per dirigere una partita tutte insieme. E questo poi dovrebbe anche diventare la normalità, visto che la meritocrazia è quella che deve andare avanti.

Comunque, delle qualità delle nostre, ci sono pochi dubbi. Anche perché la pensano in questo modo anche in campo internazionale visto che Maria Sole e Francesca Di Monte (con Massimiliano Irrati) sono state convocate per il Mondiale femminile di quest’anno in Nuova Zelanda dal 20 luglio al 20 agosto. L’Italia quindi sarà rappresentata bene non solo dalla nazionale guidata da Milena Bertolini ma anche dai fischietti. Il movimento insomma regge, sperando comunque che alcuni errori non si vedano più. Alcuni infatti sono e rimangono clamorosi.