Non c’è scampo per Berrettini e Sinner: è già ufficiale

Berrettini e Sinner, dal destino non si scappa: il rischio che accada è altissimo e la notizia è già ufficiale.

Matteo Berrettini ci arriva con la consapevolezza di stare bene e di essere riuscito a battere, nel giro di poche ore, due top ten. E di aver tenuto egregiamente testa ad altri due dei dieci migliori giocatori al mondo.

Non c'è scampo per Berrettini e Sinner: è già ufficiale
Instagram

Jannik Sinner, che pure aveva accolto il 2023 con grande ottimismo nei confronti del futuro, ha invece già ricevuto la prima batosta. L’obiettivo dell’anno era quello di ridurre al minimo gli infortuni, ma il fastidio all’anca manifestatosi durante la gara con Sebastian Korda, ad Adelaide, ci dimostra che il problema è tutt’altro che risolto. Che deve ancora lavorare sul suo fisico, potenziarlo e abituarsi ai ritmi estenuanti che deve sostenere chiunque faccia parte del circuito maggiore.

Non si tratta, in ogni caso, di un infortunio grave. Test e risonanza magnetica non hanno evidenziato alcuna lesione, ragion per cui è davvero remota la possibilità che non partecipi allo Slam. I tennisti del circuito stanno ancora aspettando il sorteggio del tabellone principale dell’Australian Open – si terrà giovedì 12 gennaio, a proposito – ma i posizionamenti e la distribuzione delle teste di serie ci permettono già da adesso di ipotizzare come potrebbero svilupparsi i percorsi degli azzurri in gara.

Berrettini e Sinner, ottavi da brivido a Melbourne

Berrettini sarà la testa di serie numero 13, Sinner la 15esima. Ma questa non è la sola certezza di cui disponiamo, ora come ora.

Non c'è scampo per Berrettini e Sinner: è già ufficiale
Djokovic (Instagram)

Possiamo già dire, con un bassissimo margine di errore, che entrambi avranno un terzo turno difficilissimo. Nella migliore delle ipotesi dovranno vedersela con Schwartzman, ma non si può escludere che uno dei due incroci lungo il suo cammino nella terra dei canguri il temibilissimo Kyrgios. Non è in forma – ha saltato sia la United Cup che l’Atp di Adelaide 2 – ma resta comunque uno degli avversari più ostici attualmente in circolazione. Soprattutto se è in giornata.

Nel caso in cui, poi, Berrettini e Sinner dovessero arrivare alla seconda settimana, allora sì che avanzare sarà ancor più difficile. Agli ottavi incontreranno – è già matematico – uno tra Nadal, Ruud, Tsitsipas e Djokovic. Il serbo è indubbiamente il più pericoloso, ma anche il suo storico rivale spagnolo farà di tutto per confermarsi re di Melbourne. Per non parlare del greco, che ha iniziato la stagione con il piede giusto, e del norvegese, entrambi in cerca del loro primo titolo Slam. In qualunque modo la si metta, ci sarà da sudare ben più di sette camicie, per assicurarsi un posto alle fasi finali dello Slam.