“Juventus processata due volte”: Bellinazzo spiega tutto

Juventus, la riapertura dell’inchiesta della FIGC sui bianconeri ormai è un dato di fatto. Bellinazzo spiega tutto in diretta

Nei giorni scorsi un nuovo colpo ha scosso la Juventus. La FIGC infatti ha deciso di riaprire l’inchiesta sulle plusvalenze che aveva visto la società bianconera uscire indenne anche insieme alle altre società coinvolte. Adesso ci sarà un processo bis che ha sicuramente messo paura ai tifosi soprattutto dopo le dimissioni di Agnelli. Il nuovo consiglio d’amministrazione, comunque, sembra pronto: nei prossimi giorni ci dovrebbe essere l’annuncio ufficiale

"Juventus processata due volte": Bellinazzo spiega tutto
Agnelli ©️LaPresse

Per cercare di fare un poco di chiarezza sulla questione, durante la diretta Twitch di calciomercato.it in onda su TVPLAY, è intervenuto il giornalista ed editorialista de ILSole24 ore Marco Bellinazzo. Che ha analizzato la questione. Ecco le sue parole.

Juventus, le parole di Bellinazzo

“Dal punto di vista tecnico è possibile, certamente che la Juventus vada incontro a due processi diversi. La giustizia sportiva si muove con una velocità e con un grado di sommarietà diverse rispetto a quella ordinaria. Dipende molto dal procuratore Chinè ma che la Juventus possa andare a giudizio due volte è una possibilità“.

"Juventus processata due volte": Bellinazzo spiega tutto
Elkann ©️LaPresse

Come si muoverà invece la UEFA che dal proprio canto ha aperto un’altra inchiesta: “Beh, il massimo organismo del calcio europeo non potrà che agire di conseguenza. E’ ovvio però che eventuali sanzioni, anche molto gravi, sarebbero comminate solo di fronte a casi di dolo accertato. Per intenderci, solo nel momento in cui l’organo di controllo finanziario dell’UEFA dovesse accertare che il bilancio presentato dalla società per accedere al settlement agreement era palesemente truccato. Sono questioni molto complesse“.

Nei giorni scorsi infine si è anche parlato di una possibile cessione della società bianconera a degli investitori: “Ancora non c’è niente di concreto, ma l’interesse c’è. La Vecchia Signora è un caso specifico, completamente diverso da quello delle altre società. Spetterà al gruppo Exor prendere una decisione. Mi sembra difficile però che proprio in occasione dei cento anni dall’ingresso della Fiat nella Juventus, l’erede della famiglia Agnelli possa cedere la società“.