Berrettini, la storia si ripete: la maledizione dei numeri uno

Berrettini, le indiscrezioni circolate in queste ore sono tutt’altro che rassicuranti: Volandri resta sul chi va là.

La squadra azzurra aveva tutte le carte in regola per farcela, stavolta. Per portare in Italia la tanto ambita insalatiera che adesso giace a Malaga in attesa che la Nazionale più forte di tutte la alzi al cielo e la onori. E se sembrava troppo bello per essere vero è perché, probabilmente, lo era.

©️LaPresse

La rosa messa in piedi da Filippo Volandri, capitano azzurro in Coppa Davis, ha già perso un pezzo. Non è destino che l’allenatore debba avere a disposizione i numeri uno, tant’è che se l’anno scorso aveva dovuto fare a meno di Matteo Berrettini quest’anno dovrà rinunciare, per forza di cose, anche a Jannik Sinner.

L’altoatesino ha ufficializzato la sua rinuncia a mezzo social, ma questa potrebbe non essere la sola grana da risolvere a pochi giorni dall’inizio delle Finals. Volandri e i suoi uomini potrebbero essere costretti a fare i conti, infatti, con un’altra assenza pesante quanto un macigno.

Berrettini in Coppa Davis, sono ore decisive

©️LaPresse

Le indiscrezioni circolate sul conto di Berrettini sono tutt’altro che rassicuranti. La Gazzetta dello Sport sostiene che il martello romano non si sia ancora del tutto ripreso dal problema al piede che lo ha tenuto fermo ai box dopo Napoli e che, di conseguenza, la sua presenza non è così scontata.

Pare che l’ex numero 1 d’Italia si stia limitando al solo lavoro in palestra e che non sia ancora tornato in campo. Altre nubi, tutt’altro che azzurre purtroppo, si addensano dunque all’orizzonte per Volandri & Co.

Berrettini dovrebbe comunque sciogliere le riserve in queste ore, considerando che la formazione azzurra partirà per la Spagna questo giovedì. Con Musetti, Fognini e Bolelli ci sarà di sicuro Lorenzo Sonego, convocato in extremis per sopperire all’assenza di Sinner. E non resta che capire, a questo punto, a chi toccherà la trasferta iberica nel caso – speriamo non sia necessario, naturalmente – in cui il pupillo di Santopadre fosse costretto a rinunciare alla Davis.