Estrazione Superenalotto del martedì anticipata a oggi: jackpot da 298,5 milioni

Superenalotto, domani non ci sarà alcuna estrazione: l’appuntamento con la dea bendata è stato anticipato ad oggi.

Il regolamento del gioco più amato dagli italiani prevede tre estrazioni settimanali: la prima si svolge nella giornata di martedì, le successive di giovedì e sabato. Questa settimana, però, la programmazione del Superenalotto ha subito una modifica necessaria ed imposta dal calendario.

Estrazione Superenalotto del martedì anticipata a oggi: jackpot da 298,5 milioni

Domani, come noto, si celebra la ricorrenza di Ognissanti, motivo per il quale Sisal ha provveduto a spostare l’estrazione in programma per il primo giorno di novembre. E indovinate un po’ quando saranno sorteggiati i numeri relativi al concorso numero 131?

L’estrazione avverrà, in via del tutto straordinaria, nella serata del 31 ottobre. Il tutto in maniera tale che non coincidesse con la festività, particolarmente cara ai giocatori italiani. L’appuntamento con la dea bendata ci sarà, quindi, solo che in un giorno diverso da quello al quale gli aspiranti fortunelli del Bel Paese sono abituati.

Superenalotto, jackpot da brivido nella notte più spaventosa dell’anno

Estrazione Superenalotto del martedì anticipata a oggi: jackpot da 298,5 milioni
©️Ansafoto

Per il resto, valgono le regole di sempre. I giocatori potranno tentare la fortuna al Superenalotto con la giocata in abbonamento oppure online o da mobile, come al solito. Per scoprire se la propria schedina è vincente si può sempre fare affidamento sull’app ufficiale del concorso più amato dagli italiani.

Non resta che capire, a questo punto, quanto metta in palio il concorso numero 131 previsto per il giorno di Halloween. Se qualcuno dovesse beccare la sestina vincente, nella notte più spaventosa dell’anno porterebbe a casa un jackpot da brivido.

È salito a quota, udite udite, 298,5 milioni di euro, una cifra abnorme di quelle che non solo cambiano la vita, ma addirittura la stravolgono. Motivo in più per correre a tentare la fortuna e sperare, il più ardentemente possibile, nel fatidico bacio della dea bendata.