Italia, Bonucci senza giri di parole: “Senza cervello”

Italia, in vista della gara di domani sera contro l’Inghilterra di Nations League ha parlato Bonucci: “Senza cervello”. Ecco a cosa si riferiva

Domani sera l’Italia scenderà in campo a San Siro contro l’Inghilterra in una partita valida per la Nations League. Gli azzurri possono ancora sperare di prendersi la final four anche se tutto passa, ovviamente, dalla sfida alla formazione allenata da Southgate che, ovviamente, evoca dei ricordi bellissimi come quello di Wembley della scorsa estate. Sembra passata davvero una vita, eppure parliamo del 2021, quando la nazionale di Roberto Mancini è riuscita nell’impresa di portare a casa l’Europeo.

Italia
Leonardo Bonucci ©️LaPresse

Oltre il ct, comunque, in conferenza stampa si è presentato pure Leonardo Bonucci. Il difensore della Juventus, nel mirino della critica deli tifosi bianconeri che lo hanno attaccato con un comunicato durissimo, ha prima parlato di quella che è la situazione che sta vivendo dentro il club (“ho avuto problemi più importanti” ha detto), poi è passato a quella che potrebbe essere l’accoglienza che il pubblico milanese potrebbe riservare a Gigio Donnarumma.

Italia, Bonucci senza giri di parole

Donnarumma
Donnarumma ©️LaPresse

E come è usanza, Bonucci, non ci ha girato intorno. Anzi, è andato dritto al punto cercando di far capire a chi potrebbe fischiare di non ritrovarsi certo nelle condizioni migliori per farlo. “Chi fischia un giocatore della nazionale italiana per me è una persona senza cervello, in quel momento il giocatore rappresenta tutta la Nazionale e anche chi sta fischiando”. Il ragionamento è sicuramente un po’ complesso, ma alla fine ci potrebbe pure stare visto che l’obiettivo è quello di difendere il compagno di squadra che potrebbe entrare con i fischi a San Siro. E’ già successo e potrebbe pure ripetersi. Ma in questo momento la nazionale italiana, dopo aver fallito il secondo Mondiale di fila, ha sicuramente bisogno dei propri tifosi. Vedremo se il messaggio è stato recepito.