Sinner, c’è spazio solo per uno: una decisione sofferta

Sinner ha già domato l’irreprensibile Alcaraz, ma all’orizzonte si profila una nuova rivalità che promette scintille.

Sul fronte del gentil sesso non è andata troppo bene. Le azzurre del tennis hanno abdicato molto presto e nessuna di loro, fatta eccezione per Camila Giorgi che è arrivata al secondo, è riuscita a passare il primo turno. Una vera e propria ecatombe compensata, tuttavia, dai successi in ambito maschile.

Sinner
©️LaPresse

Matteo Berrettini ha già staccato il biglietto per gli ottavi di finale e potrebbe essere raggiunto, si spera, da Lorenzo Musetti e Jannik Sinner. I due giovani talenti nostrani disputeranno oggi stesso i sedicesimi degli Us Open e sarebbe davvero bellissimo, se riuscissero anche loro a tagliare il traguardo insieme al romano.

Qualora entrambi dovessero trionfare accadrebbe peraltro qualcosa di inaspettato. Qualcosa che potrebbe dare il via ad una nuova “epoca” e mettere gli italiani davanti ad una scelta per nulla semplice.

Sinner

Sinner
Lorenzo Musetti ©️LaPresse

Sarebbe un sogno vedere i tre italiani ai quarti di finale, ma è impossibile che si realizzi. Non perché non ne abbiano le capacità, ma perché due di loro, ossia Sinner e Musetti, si incontreranno nel caso in cui entrambi stasera dovessero avere la meglio su Nakashima, avversario dell’altoatesino, e Ivashka, che tenterà invece di sbarrare la strada al vincitore di Amburgo.

A quel punto, infatti, il derby azzurro sarebbe inevitabile. E poco importa se non sia quello, atteso da mesi, tra Berrettini e Sinner. Vedere i due NextGen l’uno di fronte all’altro sarebbe altrettanto appassionante, considerando che si tratta di due tennisti dal talento incommensurabile.

Scegliere per chi parteggiare non sarà facile, ma d’altra parte non sarà neanche necessario. Di certo c’è solo che se la competizione tra Alcaraz e Sinner ci ha già regalato emozioni indescrivibili, questo ipotetico quarto di finale potrebbe accendere una rivalità tutta nuova e interamente made in Italy.