Emma Raducanu fa i conti col passato: battesimo del fuoco

Emma Raducanu, il passato bussa alla sua porta: cosa è successo alla tennista britannica e qual è stata la sua reazione.

Dopo che Camila Giorgi le ha dato il benservito, in occasione del primo turno del Masters 1000 di Toronto, ha deciso di regalarsi qualche giorno di libertà. Niente tennis, solo lei e la città canadese: è così che Emma Raducanu ha pensato di ricaricare le pile prima che fosse tempo di volare a Cincinnati per un nuovo torneo.

Emma Raducanu
Instagram

Ora è pronta, dunque, ad affrontare le nuove sfide che il destino vorrà riservarle. Peccato solo che il fato non sia stato troppo clemente con lei. Invece di semplificarle le cose, ha voluto metterla di nuovo alla prova e riservarle una sfida che è già di per sé destinata a passare alla storia.

Al primo turno del Western & Southern Open dovrà vedersela nientepopodimeno che con Serena Williams, la leggendaria icona del tennis che proprio qualche giorno fa ha annunciato che il suo ritiro è ormai imminente. Giocherà agli Us Open e poi appenderà la racchetta al chiodo una volta per tutte.

Una montagna da scalare per Emma Raducanu

Emma Raducanu
©️LaPresse

C’è una ragione ben precisa se questa gara ha già calamitato l’attenzione a tutte le latitudini. Sarà il passato che si scontrerà con il presente, la vecchia guardia che sfiderà la generazione dei tennisti 2.0. Di motivi per non perdersela ce ne sono, quindi, in quantità industriale.

La superstiziosa Emma Raducanu non avrà vita facile contro The Queen, della quale, ironia della sorte, aveva peraltro parlato proprio qualche giorno fa, tessendone le lodi. “La sua carriera è incredibile – aveva detto in riferimento alla Williams – Ha ottenuto molte cose. Vederla nel tour americano è molto stimolante”.

“Continua a giocare – aveva osservato, ancora, la giocatrice britannica che ha vinto gli Us Open 2021 – perché chiaramente ama questo sport. La longevità della sua carriera è qualcosa che molte giocatrici, me in particolare, aspirano a raggiungere“.