Il nuovo Gratta e vinci che tutti comprano: cosa dicono le probabilità di vincita

Gratta e vinci, tutti pazzi per il nuovo gioco del Monopolio: ecco perché i biglietti stanno andando letteralmente a ruba.

Due milioni di euro farebbero comodo a chiunque. E non c’è da stupirsi, stando così le cose, che il nuovo Gratta e Vinci da 10 euro, da poco lanciato dal Monopolio di Stato, abbia riscosso un successo che è andato ben oltre alle aspettative. Ma cosa si nasconde, vi starete legittimamente chiedendo, dietro questo incredibile boom?

Gratta e vinci
Pixabay

Perché il Re Vincente – questo il nome del concorso in questione – abbia fatto tanta presa sul popolo dei giocatori nostrani è presto detto. Il lauto premio in palio è certamente attraente di per sé, ma non è questo il solo motivo per il quale sta andando letteralmente a ruba.

Tutti lo comprano perché, in effetti, le probabilità di vincita ad esso legate sono piuttosto interessanti. E questo, unito ai bonus e ai vari extra contemplati dal regolamento, fa sì che tutti lo stiano comprando nella speranza di gonfiare il proprio portafogli e di potersi regalare una vita più agiata.

Il nuovo Gratta e vinci va a ruba: ecco perché

Gratta e vinci
Pixabay

Ma procediamo per step. Iniziamo col dire che la probabilità di vincita massima del Re Vincente è identica a quella di un altro Gratta e Vinci amatissimo: il Miliardario. Su 8 milioni e 400mila biglietti, solo uno di essi darà diritto ad incassare i tanto ambiti 2 milioni di euro messi in palio dal Monopolio.

Sono ben diverse tuttavia le statistiche legate ai premi inferiori. C’è una possibilità ogni 6,8 – a fronte del 7,21 garantito dal Miliardario – di beccare sotto la patina argentata un premio che sia superiore alla cifra che abbiamo investito per acquistare il tagliando.

Non si vince sempre, certo, quello dovrebbe essere abbastanza scontato, ma non c’è dubbio sul fatto che questo Gratta e Vinci dia qualche chance in più rispetto ad altri biglietti. Ecco spiegato, quindi, perché gli italiani stiano facendo a gara per accaparrarselo e per tentare la fortuna puntando su di esso anziché sui grandi classici.