Sinner, stai attento: è subito derby al Roland Garros

Sinner è pronto ad aprire le danze a Parigi: ecco chi sarà il suo avversario al primo turno e perché possiamo parlare di derby.

Mentre la truppa azzurra ripescava ufficialmente un settimo guerriero – Franco Agamenone, che uno in più fa sempre comodo – Jannik Sinner finalmente scopriva contro quale avversario avrebbe esordito sulla terra rossa del Roland Garros. Risponde al nome di Bjorn Fratangelo il primo “ostacolo” da scavalcare in questo lungo – si spera – percorso parigino.

Sinner
©LaPresse

Per l’altoatesino non si tratta di un volto nuovo. Nel 2019 l’ha già incontrato e non ne conserva probabilmente un buon ricordo, dal momento che il ventottenne di Pittsburgh lo fermò al secondo turno del Challenger di Aptos. Tutto accadde proprio in quell’estate in cui il ragazzo di Sesto Pusteria balzò agli onori della cronaca, guadagnandosi il rispetto e l’attenzione da parte degli spettatori.

È trascorso tantissimo tempo da allora e quel ragazzino dalla chioma rossa e ribelle non è più un aspirante campione che iniziava ad affacciarsi timidamente sulla scena mondiale. Jannik è oggi un affermato tennista è da certamente molto più chance di battere Fratangelo di quante non ne avesse tre anni fa.

Sinner, quello che non sai del suo avversario

Sinner
Bjorn Fratangelo (Instagram)

C’è una cosa curiosa che lega i due atleti che si sfideranno nell’ambito del primo turno di questa attesissima edizione del Roland Garros. A dispetto del suo nome d’ispirazione straniera, l’avversario che cercherà di mettere i bastoni tra le ruote a Sinner non è un americano puro al 100%.

Fratangelo, come suggerisce il cognome, ha origini chiaramente italiane. Suo padre, che è anche il suo allenatore, è originario di Castellino del Biferno, in Molise, motivo per il quale non è scorretto affermare che scorra sangue tricolore nelle sue vene.

Sarà dunque un derby se vogliamo, soprattutto alla luce del fatto che Bjorn è stato cresciuto come se fosse italiano. Ha frequentato la scuola “San Giovanni Battista” di Plum, in Pennsylvania, salvo poi trasferirsi a Naples, in Florida. Vedremo, allora, come se la caverà in campo contro l’eroe del Sudtirol.