Berrettini senza scaramanzia: il messaggio per Sinner

Berrettini si sbilancia durante un’intervista e lancia un messaggio all’amico e collega Sinner: ecco cosa ha voluto dirgli.

Miami e Montecarlo sono una cosa. Roma è un’altra. Non perché Matteo Berrettini sia italiano, ma perché è a qualche chilometro da quel Foro Italico che il numero 6 del mondo è nato e cresciuto. E non c’è da meravigliarsi neanche un po’, quindi, se rinunciare agli Internazionali della Capitale sia stato per lui così doloroso.

Sinner
©️LaPresse

È stata “una botta“, per dirla con parole sue. Sia perché si gioca nella sua città natale e sia perché, al di là di questo, il torneo che si disputa ai piedi di Monte Mario gli ha sempre regalato emozioni indescrivibili. Come, ad esempio, quelle che ha voluto ricordare ieri, intervenendo a margine di un evento del suo sponsor Red Bull.

“Uno dei ricordi più belli è la partita con Zverev nel 2019. Ho ancora i brividi – ha raccontato il romano – da come è nato tutto: da Vincenzo che mi ha scritto la sera prima dicendomi che secondo lui ce l’avrei fatta e l’avrei battuto. Sono ricordi importanti, anche lo stesso esordio con Fabio in cui ho preso la famosa “sveglia” è stato un passaggio importante della mia carriera, un’emozione grandissima entrare sul Centrale”.

Sinner in pole al Foro Italico: parola di Berrettini

Sinner
Instagram

Dopodiché gli è stato chiesto chi, tra gli italiani in gara agli Internazionali d’Italia, abbia a suo avviso più chance di vincere. Berrettini non ha considerato proprio Lorenzo Musetti e Fabio Fognini: si è “tuffato” direttamente su altri due colleghi.

“È difficile fare un pronostico – ha detto Berrettini durante l’evento organizzato da Red Bull – Lorenzo (Sonego, ndr) sappiamo come è: può vincere tutto, l’anno scorso – si riferisce al fatto che fosse arrivato in semifinale, per chi non lo ricordasse – l’ha dimostrato di giocare a livello altissimo”.

Lascia la frase in sospeso, ma lo fa solo per un motivo. Per non dire troppo apertamente che crede di più, ora come ora, nel successo di qualcun altro. Di un certo Sinner, per la precisione. “In questo momento – ecco il pronostico di Berrettini sugli Internazionali d’Italia – vedo più Jannik come possibile finalista“. E a noi non resta che sperare che abbia ragione.