Sinner, il “crollo” dopo la gara: annuncio e retroscena

Sinner vince contro Ruusuvuori ma non riesce a gioire: le parole del tennista altoatesino dopo la gara di Montecarlo.

Guardare Jannik Sinner che gioca è un po’ come fare un giro sull’ottovolante. Un attimo prima sei in picchiata e non sai come tirartene fuori, quello dopo sei già pronto a risalire e a tirare un sospiro di sollievo. Anche ieri, nel primo set, è andata esattamente così. Ancora una volta, a livello emotivo, più che al Country Club pareva di stare al Luna Park.

Sinner
©️Ansafoto

Quel che conta è il risultato, è vero. L’importante è che l’altoatesino alla fine sia riuscito a piegarlo, il finlandese Emil Ruusuvuori, eppure c’è qualcosa di cui il portacolori italiano in gara a Montecarlo non riesce proprio a gioire. Perché non tutto è andato come avrebbe voluto, sul Court des Princes.

Sinner, si sa, è molto severo con se stesso. Non se ne perdona una. Non ammette errori. Non lo ha fatto in passato e non intende farlo neanche stavolta, tant’è che le sue dichiarazioni, a gara terminata, sono state piuttosto dure. E un po’, avendo ormai imparato a conoscerlo, ce l’aspettavamo.

Sinner non se lo perdona: “Devo migliorare”

Sinner
©️Ansafoto

Non sentiremo mai il giovane Jannik proclamare, come ha fatto qualche giorno fa Carlos Alcaraz, di essere forte abbastanza da poter vincere uno Slam. Il ragazzo di Sesto Pusteria, al contrario, è uno stacanovista tale che raramente si dirà soddisfatto di sé e delle sue prestazioni.

Non ha fatto eccezione neanche stavolta, come ampiamente prevedibile. “Contro Emil (Ruusuvuori, ndr) sono sempre partite toste, giochiamo in modo simile – ha detto Sinner a fine partita, come riferisce OA Sport – Grazie al pubblico, che mi ha spinto nei momenti di difficoltà. Non sono soddisfatto del mio gioco, ci sono molti margini di miglioramento, ma la stagione sulla terra rossa è appena iniziata”.

“Anche nella prima partita – ha detto ancora, ma in un’intervista a Ubitennisnon ho giocato il mio miglior tennis, ma sto provando a lottare con quello che ho. Sicuramente non è semplice. Dalla parte del rovescio oggi ho fatto sicuramente qualche errore di troppo, e anche per quanto riguarda il servizio devo crescere”.