Ajla Tomljanovic e il vizio che non t’aspetti | Lo fa ogni volta che torna a casa

Ajla Tomljanovic si è raccontata a tutto tondo in un’intervista a tema rilasciata a tennis Australia, rivelando uno dei suoi “capricci”.

Ajla Tomljanovic non è una di quelle dive che amano mettersi in ghingheri e spararsi selfie e pose a profusione. La tennista croata naturalizzata australiana, la cui relazione con Matteo Berrettini pare sia giunta al capolinea proprio in queste ore, è una ragazza molto semplice e alla mano.

Ajla Tomljanovic
Instagram

Ama vestire in modo sportivo, essendo un’atleta e avendo immolato la sua vita allo sport. Ed è assai raro che su Instagram e dintorni la si veda con indosso abiti provocanti o con un trucco troppo vistoso. È una bellezza acqua e sapone e non ha bisogno di troppi artifizi per farsi notare: brilla di luce propria.

Raramente, quindi, mette in mostra il suo corpo incredibilmente perfetto. Lo si può ammirare solo quando è in vacanza e si concede un bikini al posto dei soliti shorts, ma in quelle poche occasioni è impossibile non notare come il suo fisico sia scolpito.

Ajla Tomljanovic e quella passione da sfogare

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tennis Australia (@tennisaustralia)

Il merito di quei muscoli tonici e ben definiti è anche, a quanto pare, di una dieta ben equilibrata e fatta su misura per una sportiva come lei che si allena ogni giorno. Fatta eccezione per quel piccolo “capriccio”, o sfizio che dir si voglia, che le piace levarsi ogni volta che torna a casa dopo un lungo allenamento in campo.

A svelare quale sia il suo punto debole è stata proprio Ajla Tomljanovic, che ha raccontato le sue abitudini alimentari a Tennis Australia. Rivelando, nella totale sincerità, di essere molto golosa e di non poter resistere al seducente richiamo del cibo degli dei: il cioccolato.

“Ho un debole per le torte fatte in casa – ha confessato l’ex (?) fidanzata di Matteo Berrettini – Ogni volta che sono a casa ne preparo una da me oppure chiedo a mia mamma di cucinarmi dei pancake o qualcos’altro”.