Guerra in Ucraina, il calciomercato riapre | Ufficiale: i giocatori che possono partire

Guerra in Ucraina, è ufficiale: il calciomercato riapre per decisione della Fifa. Ecco i giocatori in partenza che si possono tesserare

La guerra in Ucraina sta facendo prendere delle decisioni importanti a tutti. Anche alla Fifa, che ha ufficialmente riaperto il calciomercato dopo aver ricevuto della richiesta della Fifpro, il sindacato dei calciatori, che il 2 marzo scorso ha inviato una lettera a Samoura, dirigente del massimo organismo calcistico mondiale.

Guerra in Ucraina
Infantino ©️LaPresse

In poche parole le richieste erano tre: la liberazione dei calciatori senza nessuna conseguenza; nessun problema per chi voleva tesserare quei calciatori, anche sotto il profilo economico; la facilitazione e l’autorizzazione dei tesseramenti dei calciatori in arrivo sia dall’Ucraina che dalla Russia anche a calciomercato chiuso e senza il vincolo, ovviamente, di non poter giocare con più di due squadre nella stessa stagione. Il via libera della Fifa è arrivato, ma ovviamente, ed è anche corretto così, con alcune limitazioni.

Guerra in Ucraina, la decisione della Fifa

Shakhtar-Sheriff
De Zerbi ©️LaPresse

Intanto, primo paletto: i possibili tesseramenti devono avvenire tutti entro il 7 aprile, quindi c’è un mese di tempo. Poi questa possibilità è stata data ai calciatori stranieri che tesserati sia nel campionato russo – che sta andando avanti – e anche in quello ucraino, ovviamente. Tutti possono chiedere la sospensione del proprio contratto fino al 30 giugno e ogni squadra interessata potrà al massimo tesserare due calciatori che hanno deciso di lasciare le zone di guerra.

E sono molti quei calciatori che hanno già lasciato i paesi e che potrebbero fare al caso anche di qualche squadra del massimo campionato italiano. Ci sono i 13 brasiliani dello Shakhtar Donetsk intanto, squadra allenata da De Zerbi, oppure gli otto del Krasnodar che hanno già annullato il proprio accordo che sono il nazionale svedese Claessen, il francese Cabella, l’Under 21 norvegese Botheim, il brasiliano Kaio, il belga Wamberto, il colombiano Cordoba (20 milioni di euro per il suo acquisto  la scorsa estate), l’ex nazionale ecuadoregno Cristian Ramirez, il nazionale paraguaiano Junior Alonso. Insomma, gente pronta, allenata, e che potrebbe scendere subito in campo.