Bonus auto nuova 2022: per quali modelli e quando sarà attivo

Bonus auto nuova 2022, qualcosa si muove. Ecco quando partirà il programma di incentivi e su quali veicoli sarà applicabile.

Quando l’Italia ha aderito al progetto europeo volto a bandire le auto con motori a combustione, il minimo che si potesse fare era promuovere una politica finalizzata a sostenere economicamente chi volesse acquistare un veicolo elettrico. Sappiamo però che le cose non sono andate esattamente così.

Bonus auto nuova
Twitter

Gli incentivi tanto attesi non sono arrivati e nessuna iniziativa è stata intrapresa per scoraggiare l’acquisto di auto a benzina, a gasolio e così via. Non ancora, per lo meno. Già, perché al termine di un vertice ad hoc è trapelata l’ipotesi di mettere ogni anno sul piatto un miliardo di euro.

Il 75% di questa somma sarebbe destinato alle auto a basse emissioni e ingloberebbe, perciò, anche le ibride Plug-in. Il rimanente 25% sarebbe riservato, invece, a quanti intendano acquistare un veicolo che emetta fino ad un massimo di 135 grammi di CO2 al chilometro.

Leggi anche: Bonus auto, occhio alle revisioni: la novità del Ministero

Bonus auto nuova, pioggia di incentivi in arrivo

Bonus auto nuova
Instagram

Ora che i fondi sono stati rintracciati si passa perciò – era ora – alla fase operativa. I ministri si rivedranno intorno al 20 febbraio per discutere in che modo la strategia nazionale possa essere messa a punto, ma non v’è dubbio sul fatto che a breve la musica cambierà. E che, di conseguenza, se si sta valutando di cambiare la propria auto è meglio pazientare un po’.

Secondo le previsioni di alVolante.it, gli incentivi partiranno in tempi abbastanza brevi. E si presume che possano tradursi in sconti importanti, tanto da rendere vantaggioso l’acquisto di una Euro 6 nuova di zecca che vada a sostituire un veicolo con motore a combustione.

L’ultima parola spetterà comunque al presidente del Consiglio: toccherà a lui trovare la quadra e individuare una sintesi tra le varie posizioni. Fare una summa e accontentare sia quelli che mettono al primo posto la sostenibilità e sia quelli che, invece, si aspettano che un progetto del genere abbia ricadute importanti a livello occupazionale e sociale.