Espulso due volte ma rimane in campo: la strana impresa di Alisson

Clamoroso Alisson, il portiere brasiliano è stato espulso due volte ma è rimasto comunque in campo. Quello che è successo nella notte sudamericana

Un’impresa da ricordare. Una di quelle che verranno – forse – tramandate nei secoli. Perché quello che è successo ad Alisson questa notte ha sicuramente qualcosa di clamoroso. In poche parole: il portiere del Liverpool ex Roma stanotte è stato espulso per ben due volte nella partita valida alle qualificazioni ai prossimi Mondiali. Ma è rimasto comunque in campo fino alla fine.

Alisson
Alisson ©️LaPresse

Il motivo: non è nemmeno difficile da intuire se riuscite a metterci un poco d’impegno. Contro l’Ecuador la decisione dell’arbitro è stata ribaltata dal Var in entrambe le occasioni. Nella prima il portiere si era beccato il rosso dopo aver colpito Valencia con una gamba alta: nella seconda occasione per aver dato un pugno a Preciado. Rosso immediato secondo il direttore di gara che è dovuto ritornare sui propri passi dopo aver guardato il monitor.

LEGGI ANCHE: Vlahovic alla Juventus, scatta la denuncia | Le accuse da Firenze

Alisson, due rossi e rimane in campo

Burnley-Liverpool
Alisson dopo il gol nella passata stagione con la maglia del Liverpool ©️GettyImages

Un’impresa come detto che ha fatto già il giro del Mondo. Quella di stanotte comunque è stata in ogni caso una gara assai movimentata visto che nei primi 20 minuti di gioco sono stati due gli espulsi. Il Brasile – che ha già staccato il pass per il Qatar – ha fermato l’Ecuador che è comunque ancora in corsa per la qualificazione. E’ finita 1-1. E le emozioni ovviamente non sono mancate per nulla.