Sinner fa il pieno di record: tre successi in un colpo solo

Sinner, per Johnson non c’è stato niente da fare. E con questa vittoria l’altoatesino ha fatto il pieno di record e successi.

Non c’è altro modo di dirlo: contro Steve Johnson, Jannik Sinner ha dominato. Letteralmente. In maniera incontrastata. Al numero 104 del mondo non è rimasto altro da fare che prenderne atto, ammirare e arrendersi dinanzi a tanta scaltrezza, agilità, determinazione e preparazione.

Leggi anche: Camila Giorgi si lascia il passato alle spalle: la rivelazione in un’intervista

Per l’altoatesino è stata una passeggiata. Una passeggiata che, però, gli ha permesso di collezionare tre successi in un colpo solo. Il primo è l’aver conquistato l’accesso ai sedicesimi di finale, dopo due turni vinti senza fare troppa fatica e vissuti con la caparbietà che abbiamo scoperto appartenergli.

Ma non è finita qui. Il risultato di oggi non è stato utilissimo solo in ottica Australian Open. Battendo Johnson in appena tre set, Jannik Sinner ha portato a casa altre due conquiste eccellenti che contribuiscono a rafforzare la sua immagine. E la convinzione del pubblico che questo ragazzo sia destinato a fare grandi cose.

Sinner per la prima volta al terzo turno di uno Slam

Sinner
©️Getty Images

Il trionfo al secondo turno degli Open è valso molto di più. In primo luogo perché è la prima volta in assoluto che Sinner accede al terzo turno di uno Slam. E c’è riuscito, oltretutto, senza mai perdere il servizio, cosa assai rara anche per i tennisti di livello più alto.

Ma Jannik ha battuto un altro record, lottando contro Johnson. Come fa notare su Twitter il giornalista di SuperTennis Giorgio Spalluto, è per lui “il successo più rapido in un match al meglio dei cinque set”. C’ha messo solo un’ora e quarantuno minuti, per liquidare il suo avversario e tornarsene negli spogliatoi.

Il record precedente risale al Roland Garros del 2020, quando l’altoatesino aveva battuto Bonzi in un’ora e cinquantacinque minuti. Anche in questo, quindi, è migliorato esponenzialmente. Un altro piccolo passo per chi aspira a diventare – o lo è già? – un grande campione.