Ajla Tomljanovic gioca il jolly: deviazione prima dello Slam

Ajla Tomljanovic
©Getty Images

Ajla Tomljanovic, cambio di programma per la tennista croata naturalizzata australiana fidanzata con Matteo Berrettini.

La sconfitta di Adelaide forse brucia ancora. Dal post che Ajla Tomljanovic aveva condiviso su Instagram, era parso evidente che sperasse con tutte le sue forze di avvicinarsi il più possibile alla finale del torneo australiano. Non è andata così, purtroppo. Ma la tennista non s’è data per vinta.

Leggi anche: Ajla Tomljanovic non se lo perdona: lo sfogo sui social network

La fidanzata di Matteo Berrettini ha ricevuto una wildcard per il tabellone principale del Sydney tennis Classic. La competizione ha avuto inizio ieri e si svolgerà, fino al 15 gennaio prossimo, nella cornice dell’Olympic Park Tennis Center. Dopodiché, tutti in direzione Melbourne per l’attesissimo Slam.

Oltre alla Tomljanovic, altri tre giocatori australiani hanno ricevuto delle wildcard per prendere parte ai tornei locali. Si tratta di Astra Sharma, 98esima nel ranking, che come Ajla giocherà al Wta 500. Sul fronte maschile, il jolly è invece toccato a Jordan Thompson e Alexei Popyrin.

Ajla Tomljanovic, scalo a Sydney prima dello Slam

Ajla Tomljanovic
©Getty Images

Il Wta di Sydney sarà una vera e propria parata di stelle. I riflettori saranno puntati, per forza di cose, su Ash Barty, che guida ancora la classifica femminile in quanto numero uno al mondo.

L’occasione è ghiotta per tutte. Un torneo di questo livello, d’altronde, è perfetto per allenarsi duramente in vista dell’appuntamento, ancor più atteso, con gli Australian Open. Evento che Ajla Tomljanovic sembra intenzionata a vivere con grande determinazione, affamata com’è di posizioni.

Lady Berrettini occupa attualmente il 45esimo posto nel ranking Wta, ma si è allenata duramente nella speranza, come facilmente intuibile, di scalare la classifica. Non è quella la sua priorità, ad ogni modo. “La classifica è secondaria – ha detto qualche giorno fa in un’intervista – rispetto ai passi, ben più importanti, che ho fatto mentalmente. Tutto quello che voglio davvero fare, in termini di risultato, andare il più lontano possibile. Devo giocare come gioco in allenamento e, se lo faccio, sarò soddisfatta di me.