Berrettini a tutto gas: è a tanto così dal sorpasso più atteso

Berrettini
©️LaPresse

Berrettini, battere Medvedev in Atp Cup è fondamentale per la sua carriera: ecco cosa succederebbe se dovesse riuscirci. 

C’è voluto un po’ perché ingranasse e tornasse ad essere il Matteo Berrettini di sempre. Che potesse perdere un paio di match c’era da aspettarselo: era scontato, d’altra parte, che lo stop imposto dall’infortunio insorto durante le Finals si sarebbe ripercosso, una volta rientrato in gioco, sulle sue prestazioni.

Leggi anche: Berrettini sotto accusa: quel passo falso che ha cambiato tutto

Ma lui non è uno che si arrende. Lotta fino alla fine e sa fare tesoro anche delle sconfitte. Che poi è proprio quello che ha fatto, visto che 48 ore dopo la batosta rimediata da De Minaur è tornato in campo e si è battuto come un leone, facendo mangiare la polvere a Humbert.

La prossima gara non sarà facile. Il tennista romano si troverà faccia a faccia con Daniil Medvedev, numero 2 del ranking Atp. Un match che per Berrettini avrà un doppio valore: batterlo non è fondamentale solo ai fini dell’insalatiera, ma anche per una ragione di tutt’altra natura.

Berrettini, la gara che può cambiare la sua vita

Berrettini
©️LaPresse

Vincere contro il russo permetterebbe al pupillo di Vincenzo Santopadre di guadagnare la bellezza di 90 punti. Un tesoretto niente male che gli permetterebbe, conti alla mano, di salire un altro gradino nella classifica dei tennisti migliori al mondo. E sapete cosa significherebbe questo?

Se tutto andasse come gli italiani auspicano, Berrettini diventerebbe automaticamente il numero 6. E scavalcherebbe, di fatto, una leggenda del tennis: Rafael Nadal. Il maiorchino, che non ha partecipato all’Atp Cup ma che è impegnato a Melbourne, si attesta oggi a quota 4625 punti. Matteo al momento ne ha 4598. Anche nel caso in cui lo spagnolo dovesse arrivare ai quarti, guadagnandone altri 45, il romano lo sorpasserebbe comunque.

Il traguardo è dunque più vicino di quanto si pensi. E a Matteo è concesso tenere le dita incrociate e sognare. Sognare di avvicinarsi sempre più a quella vetta tanto ambita e di inorgoglire, ancor più di quanto non abbia già fatto, quel pubblico che lo segue con così tanto entusiasmo.