Sinner, gli opposti si attraggono: la rivelazione del tennista

Sinner
©️LaPresse

Sinner, ecco cosa ha rivelato il tennista altoatesino subito dopo aver vinto il doppio contro i francesi in coppia con Berrettini. 

Trovarsi davanti due top 10 che giocano il doppio non è una cosa che succede esattamente tutti i giorni. E lo sanno bene i francesi Fabrice Martin ed Edouard Roger-Vasselin, ai quali non è rimasto nulla da fare che arrendersi all’evidente superiorità di Matteo Berrettini e Jannik Sinner.

Leggi anche: Sinner e Berrettini, difficile ma non impossibile: cosa serve per vincere l’Atp Cup

I due italiani, per la prima volta in campo insieme, hanno giocato come tutti speravano. Anche meglio, in realtà. Hanno saputo compensarsi l’un l’altro e giocare un tennis pulito, intelligente e anche piuttosto dinamico. Quello che hanno portato in scena è stato, per gli appassionati, un autentico spettacolo.

I due tennisti, a detta di molti rivali, sono parsi in perfetta sintonia l’uno con l’altro. E come si siano trovati bene a giocare insieme lo dimostrano, come se non bastasse, le dichiarazioni che Sinner ha voluto rilasciare in merito al match una volta terminata la gara contro i francesi. Parole che testimoniano che il vecchio adagio non mente. Che è vero, sì, che gli opposti si attraggono.

Sinner: “Con Berrettini c’è un ottimo feeling”

Sinner
©️LaPresse

“Penso che sia più importante avere un buon feeling con il tuo partner – ha detto l’altoatesino – e noi l’abbiamo. Certo, dobbiamo conoscerci un po’ meglio. Matteo ha un servizio incredibile, e questo rende un po’ più facile lo stare a rete”.

“Da parte mia cerco di essere veloce in risposta – ha detto ancora Jannik, analizzando in maniera molto lucida la prestazione del 4 gennaio in Atp Cup – cosa che si è vista oggi in campo. Certo che ci vorrà un po’ di tempo, ma ognuno ha le sue armi e oggi le abbiamo usate”.

Ciascuno c’ha messo del suo, insomma, come abbiamo avuto modo di vedere. E non c’è tra i due uno che abbia contribuito in misura maggiore a sbaragliare la concorrenza francese. Berrettini ha la potenza e l’esperienza, Jannik il talento e la scaltrezza dei suoi vent’anni. Il risultato, come tutti hanno avuto modo di vedere, è stato assolutamente eccezionale