Sinner e Berrettini, guadagni a sei zeri per gli azzurri dell’Atp Cup

Sinner
©Getty Images

Sinner e Berrettini, ecco a quanto ammonta il premio di partecipazione destinato alle due stelle del tennis azzurro. 

La distribuzione del montepremi e dei punti tra i tennisti che partecipano all’Atp Cup 2022 di Sidney è piuttosto cervellotica. Il criterio adottato è ben diverso, infatti, da quello cui generalmente si ricorre nell’ambito di tornei simili, primo fra tutti la recente Coppa Davis.

Leggi anche: Berrettini e Sinner, la rivalità raccontata da chi li conosce a fondo

Partiamo con l’approfondire le modalità secondo le quali si assegnano i punti agli atleti che vincono nei singolari e nei doppi. Il numero non dipende solo dal turno in cui si colloca la vittoria, ma da altri requisiti in possesso del giocatore. Dal suo posizionamento nel ranking, tanto per cominciare.

I punti destinati al vincitore dipendono anche, però, dalla posizione in classifica dell’avversario. Non c’è un numero fisso, dunque: ogni caso è a sé stante e non è possibile stabilire a priori quanti ne spetteranno all’atleta che trionferà nell’ambito di uno dei match dell’Atp Cup.

Sinner e Berrettini: il montepremi dell’Atp Cup

Sinner
©Getty Images

Altrettanto complicata è la distribuzione del montepremi. Anche in questo caso, dipende tutto dal ranking. Ogni giocatore ha diritto ad un premio di partecipazione che dipende dal posto occupato nella classifica Atp. Ma non è il solo criterio a determinare quanto spetti ad ogni tennista, ovviamente.

Per ogni incontro vinto c’è un premio partita garantito. Che va a sommarsi, poi, ad un premio di squadra per ogni tie che i vari membri della nazionale dovranno dividersi l’uno con l’altro. Nel caso in cui, ad esempio, l’Italia dovesse arrivare fino in fondo vincendo tutti i match, un ipotetico Sinner imbattuto porterebbe a casa 625mila dollari.

Berrettini, che nel ranking è settimo, ne guadagnerebbe invece 80mila. Il premio di partecipazione – ammonta a 160mila dollari, nel caso dell’altoatesino – è piuttosto consistente e non è un caso che lo sia. Si tratta di un escamotage per attirare i tennisti in un periodo dell’anno in cui, altrimenti, sarebbero già proiettati verso gli Australian Open.