Berrettini fa meglio di Nadal e Djokovic: questa partita è sua

Berrettini
©Getty Images

Berrettini, le statistiche Atp sorridono al tennista romano: ecco in quale categoria ha battuto Djokovic e anche Nadal. 

Matteo Berrettini non ce l’ha ancora fatta a battere Novak Djokovic. Il micidiale tennista serbo è un po’ la “bestia nera” del campione romano, se vogliamo. Nonché di molti altri atleti dell’Atp, per la verità. Non è certo un caso, d’altro canto, che sia il numero uno al mondo.

Leggi anche: Ajla Tomljanovic, è tempo di rodaggio: avvistata in compagnia

Eppure, una piccola soddisfazione Berrettini se l’è riuscita a togliere. A modo suo, lo ha battuto. Non in campo, cosa che speriamo possa comunque accadere, ma statisticamente sì. A livello numerico, fosse anche per una volta soltanto, Matteo è uscito vincitore da uno scontro con Nole.

A rivelarlo sono i dati Atp, che ci restituiscono una fotografia che ci fa ben sperare per il futuro del 25enne romano, reduce da un infortunio che gli è costato sia le Finals che la Coppa Davis. Non ci resta che scoprire, dunque, in quale categoria il tennista italiano sia riuscito a far meglio del re serbo.

Berrettini è il migliore nel servizio sotto pressione

Berrettini
Novak Djokovic ©Getty Images

Nella categoria dei game vinti nelle situazioni 0-15, Berrettini ha fatto faville. Avanti a lui c’è solo John Isner, ma la sua medaglia d’argento, conquistata con un 80,4%, ha un valore ancor più elevato se lo si mette a paragone con le statistiche degli altri campioni del ranking Atp.

Il risultato ottenuto da Matteo è di gran lunga migliore di quello di Novak Djokovic, ma anche di quello di Roger Federer. Che è una gran bella soddisfazione, a maggior ragione se si considera che questa non è la sola categoria in cui il numero 7 del mondo è riuscito a primeggiare.

I dati Atp confermano che Berrettini è ancora uno dei migliori battitori del circuito, peculiarità che lo ha sempre fatto brillare in mezzo ai top player. Lo dimostra il fatto che sia secondo anche nella categoria 0-30 e che, secondo le statistiche, abbia raggiunto ottimi risultati anche nella 0-40. Questo significa che, quando è sotto pressione, riesce spesso e volentieri a dare il meglio di sé.