Criptovalute, sabato nero per gli investitori: un crollo così non s’era mai visto

Criptovalute, nelle ultime 24 ore si è registrato un pericolosissimo trend al ribasso per una moneta storica: cosa ne sarà?

Diciamo pure che, in generale, non è stata una gran settimana per le criptovalute e per gli investitori che hanno deciso di puntare sulle monete digitali. Nessuno avrebbe mai pensato, però, che nel weekend le cose potessero addirittura peggiorare. Non così tanto, quanto meno.

Leggi anche: Criptovalute, a volte ritornano: il futuro sorride a questa moneta

E invece, sta succedendo. Contrariamente ad ogni aspettativa, la situazione è ulteriormente degenerata e precipitata. Soprattutto per una criptovaluta che non se la passava così male, per fortuna, da diverso tempo. Ma qual è la moneta che in questo primo sabato dicembrino sembra non riuscire a risollevarsi?

Non si tratta di una new entry, ma di una realtà storica e apparentemente molto più stabile di altre. Stiamo parlando di Bitcoin, purtroppo, che sta attraversando uno dei periodi più bui della sua storia finanziaria. In maniera del tutto inaspettata, oltre tutto, dal momento che ultimamente le cose stavano andando piuttosto bene.

Criptovalute, Bitcoin in picchiata: cosa accadrà?

Criptovalute
©Getty Images

All’inizio del mese di novembre, come ricorderanno i bene informati, Bitcoin aveva segnato un record storico, sfiorando una cifra incredibile: la moneta si era attestata a quota 69mila dollari. Non era facile prevedere, dunque, che nel giro di un mese la situazione potesse cambiare così repentinamente.

L’andamento e le evoluzioni del mercato ci rivelano, invece, che quando si parla di criptovalute non è mai possibile fare previsioni a lungo termine. Tanto che, al termine di questa settimana già di per sé nerissima per il mondo delle valute digitali, Bitcoin è precipitata ulteriormente.

In 24 ore ha perso più del 16%. Quel record di 69mila dollari è solo un ricordo: se venisse scambiata in questo momento, il suo valore sarebbe di “soli” 47mila dollari circa. Un crollo così non s’era mai visto e questa tendenza al ribasso, ora, inizia davvero a spaventare gli investitori.