Medvedev, il giallo dell’orologio scomparso: qual è e quanto vale

Medvedev
©Getty Images

Medvedev, è stato ritrovato in circostanze misteriose l’orologio scomparso dallo spogliatoio: ecco quanto costa l’accessorio del tennista russo. 

Daniil Medvedev lo aveva lasciato nello spogliatoio prima di scendere in campo. A partita finita, però, nel suo sorvegliatissimo spazio all’interno del Pala Alpitour non ve n’era più traccia. L’orologio Bovet Ottantasei appartenente al tennista russo sembrava scomparso nel nulla.

Leggi anche: Coppa Davis, Volandri e quella reazione di Sinner | “Non so cosa succederà”

È durata poco. È stato ritrovato qualche ora dopo, ma in circostanze ancor più misteriose di quelle in cui, tuttora, è avvolto il furto. Una sorta di giallo nel giallo, se così lo si può definire. C’è poco da indagare, invece, sulle ragioni per le quali l’orologio in questione sia stato trafugato dallo spogliatoio di Medvedev, impegnato alle Nitto Atp Finals 2021.

Avete anche solo la più pallida idea di quanto valga il gioiello che il tennista russo tanto ama sfoggiare? Iniziamo col dire che si tratta di un modello esclusivo e rarissimo, un Bovet OttantaSei come pochi – capirete tra poco il perché – se ne vedono in giro. Ovvio che qualcuno lo abbia bramato così tanto, dunque.

Medvedev, l’orologio scompare e poi riappare come per magia

Medvedev
L’orologio sottratto a Medvedev è un Bovet OttantaSei (Instagram)

Questo orologio, che vale la bellezza di 200mila euro, è ora sotto sequestro. Ce lo aveva, dopo il ritrovamento, un dirigente dell’Atp, che era stato incaricato di riportarlo al legittimo proprietario in quel di Montecarlo. Ma l’uomo, per circostanze ancora poco chiare, è stato fermato dalla polizia prima d’imbarcarsi dall’aeroporto di Torino.

A quel punto, è stato convocato in questura, dove è stato torchiato affinché raccontasse i dettagli dell’accaduto. Non è ancora dato sapere cosa sia successo e come sia possibile che l’orologio sia sparito malgrado lo spogliatoio fosse sorvegliato.

Pare, da quel poco che è trapelato, che il dirigente dell’Atp lo abbia ricevuto da un’altra persona. E che quest’ultima, a sua volta, lo avesse preso in consegna da un altro uomo che lo aveva trovato sulla mensola dello spogliatoio. Ma siamo proprio certi che questo giallo finirà qui?