Atp Finals, Ruud come Sinner e Zverev: il gesto non passa inosservato

Ruud
©Getty Images

Atp Finals, anche Casper Ruud ieri sera si è reso protagonista di un gesto bellissimo: ecco cosa ha fatto al Pala Alpitour. 

Prima è toccato a Matteo Berrettini sventolare bandiera bianca e lasciare il Pala Alpitour. Poi, a Stefanos Tsitsipas. E neanche Herbert Hurkacz, a quanto pare, se la passa troppo bene. Diciamo pure, per usare un eufemismo, che le Nitto Atp Finals 2021 non stanno andando proprio come ci aspettavamo.

Leggi anche: Sinner e quella ferita ancora aperta: le rivelazioni del suo allenatore

Con due maestri fuori dai giochi, il torneo ha subito una brusca inversione di rotta. E nel caso in cui anche il tennista polacco battuto da Jannik Sinner martedì sera dovesse abdicare, sarebbe un record. Sarebbe la prima volta nella storia, infatti, che il numero di giocatori costretti a ritirarsi sale a quota tre. Il rischio che Hurkacz lasci, tuttavia, pare per il momento scongiurato.

Anche i tennisti ancora in gara sono increduli. L’infortunio di Matteo Berrettini, in particolar modo, non fosse altro per le modalità con cui si è manifestato, ha turbato molti di loro. Solo un atleta che come lui lotta duro per perseguire un obiettivo ben preciso, d’altronde, può immaginare come il campione romano si senta in questo momento della sua carriera.

Atp Finals, lo sport solidale che ci piace un sacco

Ruud

Tutti i maestri, o quanto meno una buona parte, stanno dunque soffrendo insieme a Matteo e a Stefanos. E non lo nascondono affatto, anzi. Gli atti di solidarietà e gli attestati di stima e di rispetto di cui si stanno rendendo protagonisti in questi giorni ci stanno regalando, al contrario, emozioni bellissime.

Lo stesso Casper Ruud, ieri sera, ha voluto omaggiare i due colleghi con un pensiero dolcissimo al termine del match. E anche lui, come gli atleti che lo hanno fatto in precedenza, ha scelto di servizi dell’obiettivo della macchina da presa per mandar loro un abbraccio virtuale. “Recuperate presto, Stef e Matteo” ha scritto su di esso con l’ormai mitico pennarello rosso, divenuto quasi un simbolo di queste Nitto Atp Finals 2021.

Prima di lui, avevano fatto qualcosa di simile anche Zverev e Sinner. Il tedesco, dopo l’uscita di scena di Berrettini, aveva disegnato una faccina triste. Jannik, invece, aveva scritto, una volta battuto Hurkacz, “Matteo sei un idolo“. Perché lo sport, per fortuna, è anche questo.