Serie A, cambia tutto: gli spareggi dell’Italia modificano il calendario

Serie A
Gravina ©️LaPresse

Serie A, cambia tutto: gli spareggi dell’Itali il prossimo marzo fanno modificare il calendario. La Figc cercherà di aiutare Mancini

Partiamo da un presupposto: la Figc non aveva minimamente preventivato che l’Italia, per andare in Qatar, avesse dovuto partecipare agli spareggi. E di conseguenza non c’è mai stato un colloquio sotto questo aspetto con la Lega di Serie A. Tant’è, che la stessa, ha programmato una giornata di campionato il prossimo 20 marzo. Pochi giorni prima, insomma, della semifinale del girone che poi porterà, la vincitrice, a prenotare il volo per i Mondiali.

Adesso, però, dopo il pareggio in Irlanda del Nord e la certezza che gli azzurri tra pochi mesi si giocheranno l’accesso alla manifestazione già saltata in Russia attraverso gli spareggi, hanno cambiato le carte in tavola. E la macchina organizzativa si è già iniziata a muovere. Non sarà facile, pochi dubbi: ma ci si proverà.

LEGGI ANCHE: Si Vince Tutto, l’estrazione di oggi mercoledì 17 novembre | Numeri in diretta

Serie A, cambia tutto

Italia-Svizzera
Roberto Mancini ©️Getty Images

Per forza ci si deve provare. Perché non andare di nuovo al Mondiale sarebbe una vera e propria apocalisse. La seconda nello spazio di poco tempo. Tutto verrà fatto per il meglio. Il turno, come detto, è quello del 20 marzo. Che potrebbe essere fatto slittare di qualche settimana. Ma valla a trovare una data disponibile, uno slot, dove metterci dieci partite. Ma un incastro deve essere comunque trovato, in ogni modo.

La preoccupazione di Mancini, e così come quella di Gravina che si farà promotore di questa eventualità, è che gli azzurri possano arrivare spompati all’appuntamento più importante della stagione. Riuscendo nell’intento, oltre a qualche giorno di recupero in più che non fa mai male, il ct della nazionale campione d’Europa avrebbe la possibilità di preparare al meglio la partite – speriamo possano essere due – che ci potrebbero portare in Qatar. E allora giusto così. Di mezzo c’è tutto il movimento pallonaro italiano. Non solo quelli con la maglia azzurra.